20 novembre 2008

E quando non ci piacciono più?


Quando un profumo non ci piace più cosa ne possiamo fare per non buttarlo?Innanzitutto dispiace, con quello che costano, eppoi sembra un pò di abbandonare un vecchio amico. Magari non desideriamo più indossarlo, ma buttarlo via è assolutamente fuori discussione. Esiste un'alternativa valida alla pattumiera?
Ebbenesì, dopo attenta considerazione, lettura di numerosi libri e conversazioni con persone degne di considerazione sono giunta alla conclusione che i profumi che non indossiamo più possono effettivamente riciclarsi e avere una seconda vita.

Ecco come:
1 Il profumo resta un profumo
In genere cerco di organizzare degli scambi (vedi la mia swaplist). Funziona benissimo e mi permette di liberarmi di ciò che non uso più, e conoscere molte fragranze a cui magari non mi sarei avvicinata. Ad esempio ho swappato Vanille Ambre di CSP con due profumini di Carrement Belle che non conoscevo. Uno dei due mi è piaciuto tanto che l'ho finito in un lampo, l'altro... è finito sulla mia swap list e l'ho scambiato con una cara amica. Che lo ha preso per porvalo, credo che lo riswapperà anche e lei e forse stavolta troverà qualcuno che sappia apprezzare le sue spezie appuntite.
Alcuni, quasi intatti e magari con la scatola, li ho rivenduti a qualcuno a cui interessavano. Altri invece, più datati, magari leggermente svaporati, li ho venduti nei mercatini dell'usato. Prima o poi proverò anche su Ebay.
Alcuni, però, li regalo. Ad esempio ho regalato a mia madre Vicolo Fiori (Etro) che ora troneggia sulla sua mensola (dove, diciamocelo, si trova senz'altro meglio: io l'avevo comprato d'impulso).
Fin qua, per il profumo va tutto bene: resta sempre un profumo. Deve solo farsi conoscere dal nuovo partner da cui va ad abitare. Prima o poi, se non è proprio sfigato troverà qualcuno in grado di amarlo e portarlo fuori spesso.

2 Il Profumo diventa un deodorante
Qualcuno lo spruzzo nelle camere come aroma per ambienti. Attenzione: deve piacermi almeno un pò, perchè altrimenti non riesco ad avere intorno qualcosa che veramente m'infastidisce, senza diventare odiosa e irritabile. Io lo spruzzo nell'aria, sulle tende, oppure dentro gli umidificatori dei termosifoni. Una volta però l'ho fatto con il profumo sbagliato. Era Acqua Allegoria Pamplelune, di cui conservavo un vago ricordo erbaceo così così. Me ne avevano dato tre fialette e una l'ho versata nell'umidificatore ... Sulla pelle funziona in un cerot modo, ma nell'acqua calda è diventato tremendo. Un sentore di urina felina ha pervaso tutta la casa. Anche dopo aver sciacquato la vaschetta, l'odore è rimasto nell'aria per un pò. Io pensavo stesse infastidendo solo me, ma ad un certo punto mio marito è andato a guardare dentro il sacchetto della spazzatura. Poi si è riseduto. Poi ha aperto le finestre e ha annusato l'aria. Poi si è riseduto. Alla fine mi ha chiesto: "Ma tu lo senti quest'odore orribile? Secondo te cosa può essere?". Da allora, faccio sempre una prova con piccole quantità.

In questo modo il profumo non se ne accorge nemmeno, di essere diventato un più banale deodorante per ambiente.

Anche profumare i cassetti o l'armadio può essere un'idea valida, nel caso in cui un certo profumo non si indossi più ma ci piaccia ancora abbastanza. Se sono foderati di carta, meglio ancora perchè trattiene bene l'aroma. Oppure potete spruzzare su un fazzolettone o una sciarpa che non state usando e metterla dentro l'armadio. I mobili trattengono per un pò l'aroma, ma gli abiti appesi prenderanno solo un accenno. La discesa da profumo a deodorante per armadi potrebbe essere un pò traumatica, ma ci si abituerà.

Per profumare lievemente gli abiti -non di colore chiaro- ho sentito di qualcuno che spruzza il profumo dentro la caldaia del ferro da stiro. Non sono sicura che faccia bene al ferro e ai vestiti, e quindi per ora non l'ho mai fatto. Se qualcuno ha provato e ce lo vuole raccontare...

Altri invece lo spruzzano a monte della stiratura: lo mischiano direttamente col detersivo o con l'ammorbidente. Qui secondo me fa sicuramente meno danni e lo proverò di sicuro. Chissà però se tutti i lavaggi vanno bene: ad esempio a 60, 90 gradi la fragranza vira di certo e non so quanto il risultato possa essere prevedibile. Però è da provare. Una signora che conosco, che fa l'antiquaria, aveva dato a sua sorella una serie di flaconi di profumo vecchi decine d'anni perchè a lei interessava vendere i flaconi e pensava che il contenuto non fosse così interessante (non mi conosceva ancora...). Le ha detto di usarli tranquillamente e di restituirle il flacone vuoto. Dopo un paio di settimane la sorella le riporta i flaconi e le chiede se ne ha ancora, e l'antiquaria si stupisce che sua sorella possa aver usato tutti quei profumi in così poco tempo. E' venuto fuori che ogni volta che faceva una lavatrice, svuotava nell'acqua del risciacquo finale uno dei flaconi. Tanto erano vecchi... "Che buoniiii... danno ai vestiti un profumo così delicatamente fiorito.... quando me ne porti ancora?". A momenti svengo. Ora abbiamo fatto un patto: vende a me la fragranza e a qualcun altro il flacone. Così, se vuole guadagnarci due volte (e vuole, vuole), deve necessariamente portarmi qualsiasi cosa buona da annusare trovi in giro.

Ovviamente qui, il livello è ancora più basso: da fragranza di marca a profumatore per ambiente, a deodorante per armadi, per scendere fino ad ingrediente di un detersivo effettivamente è un pò dura....Comunque sempre meglio dell'ultimo uso che ne ho sentito fare -ma io non posso sperimentarlo-.

E' la soluzione "cassetta-del-water". Lo so benissimo, è ignobile trattare una fragranza così: c'è un limite a tutto. Ma chi ha la cassetta dello sciacquone raggiungibile, provi a versarci dentro un pò della fragranza da eliminare: intanto l'aroma si dovrebbe diffondere già così, e comunque ogni volta che si tira l'acqua.... l'aria si riempe di fiori PER DAVVERO!!!!!
La foto l'ho fatta una sera di qualche anno fa, in un pub di Stornoway.

20 commenti:

yemanjà ha detto...

Di solito scambio o regalo i profumi che mi hanno stancato; quelli che non trovano adepti li riciclo come deo per ambiente. Gli altri che amo meno, li uso per odorare gli armadi,imbebendo cotone idrofilo, che inserisco in sacchettini di cotone ricamato. Gli "ultimi" li uso per stirare col ferro a vapore, basta che non siano troppo scuri perchè possono macchiare gli abiti.
Come vedi sono d'accordissimo con te!!!Un bacione!!
Lilith

Anonimo ha detto...

Ho rovinato il ferro da stiro proprio così, ho versato un olio essenziale ma si è inceppato il tastino del vapore e l'ho dovuto buttare, non fatelo!
Lavinia


Messaggino personale
Marika se non ti dovesse piacere Broadway nite io sarei felice di ri-scambiarlo o ri-acquistarlo :) fammi sapere bacini.

ADJIUMI ha detto...

Metto già in atto i consigli del tuo articolo, li spruzzo in casa,sui cuscini, ma lo faccio anche per i profumi che non mi hanno stufato, mi aiuta a capire gli sviluppi.
E poi, come ben sai, ho la sezione SBARAZZO sul mio forum, sul fratellino di BERGAMOTTO E BENZOINO!
Quando il profumo è comodo da maneggiare, lo uso anche in auto o me lo porto in ufficio.
Quando i miei profumi, vengono tolti del muro profumato, dove sono conservati, automaticamente sono stati declassati :-)
Alcuni li tengo nei beauty della palestra.

Anonimo ha detto...

Io in genere li tengo da parte per un po per riprovarli a distanza di tempo e a volte è solo questione di "digerire" certe note o di avere nel frattempo maturato gusti diversi. Se nemmeno questa fase funziona (oppure l'avversione è tale da far scavalcare direttamente la prima fase) cerco di scambiarli o regalarli. Se proprio non riesco a scambiarli o regalarli e li trovo adatti ad uso ambientale li verso negli umidificatori dei sifoni; solo due finora hanno avuto questo destino: Creed Epicea che mi ricordava le gocce di pino adatte a quell'uso, e Douce Amère di Lutens che mi ricordava un becero deodorante stucchevole che a mia madre piaceva tanto. Infine in rari casi li ho usati per spruzzare le lenzuola (ad esempio sto usando ora un'acqua alla lavanda piuttosto secca e verde un po old style che mi avevano regalato) ma questo non ha una connotazione necessariamente degradante: infatti è il fantasma profumato che passerà con noi la notte e ci manca che non sia piacevole hehe (non a caso ogni tanto lo faccio con Ho Hang di Balenciaga o altri profumi nobili).
Un uso che non hai menzionato è quello di usarli come deodoranti per l'auto piazzandone un batuffolo di cotone imbevuto in quei sacchettini da appendere allo specchietto retrovisore ad esempio.
Magnifiscent

marzipan ha detto...

Sono sotto spese, quindi sono molto prudente negli acquisti. In ogni caso credo di aver trovato il profumo per Natale: l'Autre di Diptyque. E' talmente speziato che fa venire voglia di mettersi a fare i biscotti.

yemanjà ha detto...

Lavinia, gli olii lo sciupano di sicuro il ferro a vapore! Io ci metto solo l'eau de toilette (con l'unica precauzione che sia di colore chiaro), mischiata all'acqua demineralizzata e non mi è si mai sciupato nulla.
Lilith

Anonimo ha detto...

A me non capita mai, nel senso che tutti i profumi che ho mi piacciono.
Certo qualcuno con il tempo lo uso un pò meno perchè aggiungendone di nuovi cambiano le preferenze, ma a turno tutti prima o poi li indosso, mi piace tenerli tutti insieme e usarli come profumo per il corpo, non li destino mai ad altri usi.
Ciao.
Giuseppe (assurdo).

Diakranis ha detto...

io li ho fatti tutti questi usi! tranne il ferro da stiro, ho sempre pensato che c'era un motivo se il ferro vuole acqua distillata epr durare... e poi lo scarico dell'acqua.... non ci avevo mai pensato per davvero... quello mi mancava!

Davide ha detto...

Aiuto. Devo assolutamente provare Aoud Attar di Montale. O forse si chiama solo Attar... bhe, comunque: il problema è che non è distribuito in Italia. Aus Liebe zum Duft non l'ha nemmeno nel suo catalogo. Ergo. Avete da consigliarmi qualche altro sito dove eventualmente possa reperirne un campione? Grazie!

Quanto al tema del post, ad essere onesti l'idea di "riciclare" un profumo non mi va molto a genio. Piuttosto, se non lo uso più, me lo metto per stare a casa.
Quanto ai vestiti, al più presto vorrò provare "Puro lino": l'acqua di profumo, però che va bene e per il corpo e per i tessuti. In particolare mi dicono che abbia la capacità di eliminare gli odori sgradevoli dai vestiti es. l'odore di fritto di un ristorante che soprattutto d'inverno si insinua nei nostri maglioni. Oppure è ottimo spruzzato sulle camicie ancora umide al momento di stirarle: lascia un profumo di pulito molto buono. E non macchia assolutamente!

Anna Maria ha detto...

davide, ho un grosso décant di Attar 20 ml e posso regalartene un po', passami l'indirizzo in messaggeria di adji, ilmio nick là è Nyneve, o qui se puoi accedere alla mia mail.
Chi sei da Adj?

Io regalo cosa non mi piace più, ma poichè sono molto oculata negli acquisti mi succede di rado e per poco.
I campioncini commerciali li uso x profumare gli armadi

yemanjà ha detto...

Davide, se scrivi una mail a montaleparfums@hotmail.com chiedendo di ricevere i samples di Montale che preferisci, sarai presto esaudito! Io ho ricevuto i miei in tre giorni:
Aoud Lime
Aoud Queen Roses
Aoud Roses Petals
Aoud Cuir d'Arabie

Bergamotto e Benzoino ha detto...

E io che pensavo di sconvolgervi con un post scandalizzante! ;-)Invece le avete già provate tutte; Adjiumi e Magnifiscent, addirittura, suggeriscono usi che non conoscevo. Non ci avevo pensato perchè non vado spesso in auto, ma come avete ragione. A volte si entra in certe auto che puzzano di umido, di fumo... e non c'e niente di peggio. Bravi!

AnnaMaria e Lilith, siete due miniere preziose di consigli e gentilezza!

Lavinia, ti vedo col ferro da stiro in mano e un grosso punto di domanda sulla testa... (vieni domani?)

Davide, una persona mi ha detto che vuole inviarti una cosina e mi ha chiesto la tua mail per contattarti, ma io non l'ho più...

Davide ha detto...

GRRRAZIE A TUTTI!!!!! Anna Maria: on ho problemi a scrivere il mio indirizzo e-mail... Tanto è un indirizzo, per così dire, "di servizio": hgwxx7@tiscali.it - lo dico qui: chiunque volesse contattarmi a questo contatto mi si può trovare!
Per Yemanjà: quanto viene la spedizione? E i campioni? di solito sono a pagamento e ho cercato sul sito di Montale informazioni, ma non ne avevo trovate...

Al forum di Adjumi non mi sono ancora iscritto un po' per timore anche se lo visito spesso soprattutto per leggere le recensioni: un forum ricchissimo! Bravo Adjumi.

Tornando alle manie, oggi sono andato in via Melzo 36 a Milano (metro linea rossa stazione P.ta Venezia all'uscita su c.so Buenos Aires) da British box uno scrigno pieno di tesori profumati. E mi sono sparato tutti gli Heeley! Tra le altre cose, ne stanno per uscire ben 4 di nuovi (uno si chiama Ophelia ed è un fiorito, gli altri... non mi sono ricordato di chiederglielo alla fine :-P). Però ho scoperto che anche Corso Como e Profumo li hanno, ora, essendo stati aggiunti alla lista dei retailers sul sito di Heeley.
Poi vi racconterò le mie impressioni.... Ora sono stanchissimo (anche oggi sveglia ore 5 e tornato 1h e mezza fa...)

Grazie ancora a Yemanjà e ad Anna Maria che se riuscisse a farmi avere un campione di Attar sarebbe veramente meravigliosa!

E grazie come al solito a B&B per aver creato questo luogo d'incontro di gran bella gente!
Tonino Guerra, reclamizzando nota catena di supermercati dell'elettronica, diceva che l'ottimismo è il profumo della vita... mah! Io non sono purtroppo un ottimista - anzi... Però penso che lo sia la cordialità. E qui ce n'è tanta...
Molto più spesso penso

yemanjà ha detto...

Davide!! E' tutto gratis, anche la spedizione!! Ho mandato una mail al sito di Montale, chiedendo se potevo ricevere alcuni samples. Mi hanno accontentato e dopo tre giorni sono arrivati. :-)))Sono simili a quelli che vende Ausliebe, spray e contenenti ben 2 ml di prodotto.
Vai su "contatti" e scrivi tranquillamente, richiedendo quello che vuoi...senza esagerare,eh? ;-)
Baci profumati!
Lilith

Anonimo ha detto...

Davide, caro, dicci cosa ti spinge così fortemente a volere un campioncino di Attar di Montale, quali sensazioni ed emozioni ti ha dato questo profumo visto che ne sei cosi entusiasta.
Sono curiosa.
Dimmi, poi, dove posso trovare "Puro Lino" .
Grazie.

Personalmente i profumi che acquisto sono scelte ponderate e desiderate, quindi, non avanzo mai profumi da utilizzare diversamente.

Alessandra VA

Anonimo ha detto...

ho provato migliaia di profumi. Li ho odiati con la stessa incontrollabile impulsività e con lo stesso trasporto con cui me ne sono invaghita!come mai!?spesso ho preso profumi che già sapevo che non mi sarebbero piaciuti a lungo ma qualcosa mi costringeva a farlo!Per esempio ora c'è il dilemma dilmun di villoresi e neroli di goutal.Amo il secondo ma il primo mi tenta.eppure il dilmun non sento i fiori d'arancio ma solo talco e cumino.come mai?

Anonimo ha detto...

Si Davide , fai bene a non iscriverti sul forum di Adjiumi, se vieni ti mangiamo vivo.
Scherzo naturalmente, ma timore di chi o di cosa ?
Se frequenti questo di forum, puoi benissimo frequentare anche l'altro.
Siamo più o meno le stesse persone, qui siamo anonimi per motivi tecnici che ormai rifiuto di capire ma ci firmiamo comunque.
Dai , ti aspettiamo, a presto.
Ciao.
Giuseppe (assurdo, il nick su Adjiumi, per chi non lo sapesse)

Davide ha detto...

Buondì!

Scusate ma ieri ero a pezzi. Ora liquido tutte le risposte.

1)Grazie Lilith! Devo solo mettermi a tradurre la lettera nel mio francese arrugginito (si sa mai che coll'inglese 'sti Francesi si offendano!).

2)Alessandra. In verità quel che mi spinge verso Attar è... La descrizione! Non è distribuito in Italia (ma perché queste limitazioni!!!!?????) e quindi non l'ho mai sentito: semplicemente l'oud mi sta solleticando e volevo conoscere quante più formulazioni possibili di Montale che anche un uomo possa vestire - alcuni sono decisamente femminili come lo splendido Aoud Red flowers ultimo nato. Black aoud particolare mi prude un poco sotto il naso... E voglio riprovare Red aoud. Anche la rosa mi sta tentando: c'è in Black ed è combinata col sandalo in Attar. Per questo lo volevo provare. Chissà che le mie fortissimi convinzioni sugli Heeley non inizino a subire qualche erosione. Perché la signora di via Spadari aveva ragione: l'unico modo per apprezzare - o detestare sul serio aggiungerei- le fragranze formulate sull'oud è metterli e rimetterli. Col rischio di diventarne dipendenti. Qui i campioni sono fondamentali... E ora infatti mi vado mettere due gocce di Black dalla mia fiala ormai quasi vuota. E' veramente... sexy!
Puro lino. Se per te Arona e sempre la soluzione più comoda ti riconsiglio Gambarini. Lo sai che hanno anche un sito internet vero? Ti linko direttamente la pagina con Puro lino, da lì poi ti puoi muovere: http://www.profumeriagambarini.it/h-officinaessenze.html

A Milano invece sicuramente ce l'ha la farmacia di via Spadari. Altri non so, ma non è difficile da trovare: è abbastanza ben distribuito.

3) Giuseppe: mi avete convinto mi iscriverò. Il mio "Timore" era metaforico... non so nemmeno io cosa volessi scrivere! Scusate in questi giorni sono davvero fuso.
Il tempo di scegliere un nick... "lirico"

Spero di non aver dimenticato di rispondere a nessuno.

Se riesco, in giornata posterò a margine dell'intervista a James Heeley le mie opinioni (positivissime)sui suoi profumi. Ciao!

duchamp ha detto...

per fortuna nessuno profuma cani e gatti ...
era una boutade !
:-)
interessanti gli usi alternativi.
ne farò tesoro.

d.

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Giuseppe il tuo umorismo mi fa morire... ;-)

Duchamp ma che boutade e boutade, la tua idea ha origini antiche! lo sai che gli antichi romani (almeno quelli più raffinati ed eccentrici) erano soliti profumare i loro cavalli e gli altri animali da compagnia?

Anonimo, sei sicuro/a che il tester che hai provato fosse ok? Perchè io li ho sentiti chiari e forti, i fiori d'arancio nel Dilmun (che infatti mi piace molto), e mi sembra strano che tu non li senta. Come tengono il tester nel negozio che hai visitato?