02 dicembre 2012

Etoile de Hollande, Mona Di Orio

Questa settimana, dal 2 al 9 dicembre sarà dedicata a Mona di Orio e alle sue composizioni, che indosso con gioia non solo perchè sono bellissime, ma anche perchè mi ricordano lei, con la sua vivacità e una sensibilità che le permetteva di vedere anche cose che agli altri sfuggivano (e probabilmente, se devo pensare ad una definizione di "artista", in effetti penso a qualcuno che vede cose invisibili agli altri).
Ieri e oggi ho indossato Etoile de Hollande, una fragranza dominata da un nota di rosa turca, che mi ha ricordato il rossetto rosso e i guantini  -dello stesso colore- che Mona indossava l'ultima volta che ci siamo parlate. 





Di questa fragranza sorprende il gran numero di sfaccettature: pur essendo indiscutibilmente una fragranza alla rosa, la sfaccettatura legnosa (patchouli e legno di cedro) risalta fin dall'inizio, così come un riflesso fruttato (bergamotto e pesca bianca), uno poudrèe (l'eliotropina), un sentore cuoiato (forse dovuto all'accordo benzoino/balsamo del Perù),  che per me è responsabile dell'effetto "velluto sulla pelle" e  per finire uno liquoroso/Rum. 
Insomma, la fragranza è complessa, calda e con un lieve tocco sensuale che ho apprezzato. A me ha fatto l'effetto di una lunga stola di velluto cremisi, calda e morbida al tatto.

Tra tutte le fragranze della linea "Les Nombres d'Or" secondo me è quella che più si discosta dalle altre. Non so se Mona avesse finito di comporla, prima di andarsene, ma... ci sento  qualcosa di indeterminato, come un finale che si apre a diverse possibilità. Questa caratteristica, che in altre fragranze darebbe l'idea di "indefinitezza" qui non stona, anzi.  Etoile de Hollande  è una fragranza già ricca e articolata di suo, inoltre essendo l'ultima composizione di Mona, possiede anche una storia "forte". Il senso di indefinitezza che la pervade, in qualche modo le toglie qualsiasi rischio di gravità e pesantezza, e le offre un "respiro" che altrimenti faticherebbe a conquistarsi.
E voi? State indossando qualche fragranza di Mona? Come la ricorderete in questi giorni?

Foto da Visoflora.

3 commenti:

ADJIUMI ha detto...

Oiro per il primo giorno, il mio primo MdO, oggi la Luce, il vigore di LUX.

Marika Vecchiattini ha detto...

LUX è bellissimo già di suo, e penso che su di te stia un incanto: credo esalti la gioia, la tua capacità di sorridere sempre e comunque, che ti caratterizza tanto :-*

Anonimo ha detto...

Io l'avrei chiamato Geranium d'Hollande!


Andrea di Mantova