21 giugno 2013

Dries van Noten par Frederic Malle

Qualche mese fa Guido, del negozio "Profumo" di Via Brera (Milano - clicca qui per la pagina FB) mi aveva invitata all'evento di presentazione del nuovo profumo “Dries Van Noten par Frederic Malle”, e io non vedevo l'ora di annusare la novità e soprattutto salutare Monsieur Malle: chissà se si sarebbe ricordato di me (... io senz'altro non mi dimentico di lui: cliccate qui e qui per l'intervista del 2011). Ma alla fine non ho potuto andare, e quando Caleri ha organizzato una presentazione qui a Genova,  ne ho approfittato. Al posto di Frederic Malle ho trovato Valerio Polimeno, il responsabile export, che ho conosciuto volentieri e che, seppure un tantino meno fascinoso di Monsieur, è stato cortesissimo nel sopportare pazientemente tutte quelle domande, exploit emozionali ed opinioni non richieste su cui non avrei mai indugiato alla presenza del suo carismatico capo.
“Dries Van Noten par Frederic Malle” è il primo profumo della linea “XXX par Frederic Malle”, una linea parallela a quella "classica" in cui FM proporrà i ritratti olfattivi di alcuni personaggi internazionali che apprezza particolarmente.
Dries Van Noten è uno stilista belga da tempo in contatto con Frederic Malle: fu uno dei primi clienti di Editions des Parfums quando aprì a Parigi, nel 2000 ed il suo amore per i profumi di FM è testimoniato dal fatto che nelle boutiques Dries Van Noten si trovano in vendita anche i profumi FM.
Ad un certo punto, i due couturier hanno deciso di collaborare in maniera più stretta creando un profumo che portasse entrambe le firme: Dries Van Noten ha potuto lanciare sul mercato una fragranza col proprio nome, passando in un attimo dall'essere uno dei pochi stilisti senza profumo, ad essere quello con il profumo composto dall'azienda più creativa e raffinata del mondo (un po' come quando Cenerentola passa dai piedi scalzi alle scarpine di cristallo...).
Da parte di FM, invece la sfida consisteva nel passare da un rapporto a due (FM e i suoi autori) ad un rapporto a tre, che coinvolgesse nel percorso creativo DVN con il suo marketing, l'ufficio stampa e tutto il resto. La sfida è stata vinta da entrambe le parti, il profumo è interessante e non si può non notare  l'influenza di un soggetto “terzo” sulla composizione finale. Nonostante DVN non abbia proposto un brief o scelto le note olfattive, il fatto che il lavoro si ponesse come ritratto olfattivo di una persona e del suo stile ha ovviamente orientato la creatività in maniera ben percepibile, ed è questa, la differenza tra questo nuovo profumo e quelli della linea "regolare".
Dentro "Dries Van Noten par Frederic Malle” quindi, c'è più DVN che FM, ovvero più minimalismo e meno eccentricità chic, e questo mi fa pensare che probabilmente, la nuova linea "XXX par Frederic Malle" non sarà destinata ai fan "duri e puri" delle fragranze FM, ma probabilmente incuriosirà quella parte di pubblico che non compra un profumo di nicchia perchè non sa cos'è, o pensa non gli interessi. Costoro potrebbero essere  affascinati dal nome famoso e comprare il profumo per quello, ignari del fatto che una volta abituato al meglio, il naso non è più capace di tornare alla mediocrità.
Evidentemente Monsieur Malle è un pioniere fino al midollo: 12 anni fa fu il primo a mettere sotto i riflettori gli autori delle fragranze, avviando quel processo di riconoscimento per cui oggi è normale chiedere “Di chi è questo profumo?” intendendo il compositore e non il marchio per cui esce; oggi quasi tutti i brand di nicchia hanno seguito il suo esempio e i compositori sono usciti dall'ombra in cui le multinazionali li relegavano. Oggi le stesse aziende si vantano sui magazine femminili che dietro al loro ultimo successo ci siano Alberto Morillas o Olivier Cresp!
Quando la nuova linea “XXX par Frederic Malle” avrà successo molti attori della nicchia seguiranno nuovamente il suo esempio e inizieranno a proporre celebrity scents (anzi, a dire il vero qualcuno ha già provato: ELDO con “Like This” composto insieme all'attrice Tilda Swinton). E finchè saranno profumi con qualcosa di interessante da dire  io me li godrò senza fare una piega. Il problema si porrà quando qualche profumo non sarà all'altezza di chi l'ha composto, ma ci penseremo quando succederà. 
Ah, a momenti dimenticavo: com'è "Dries Van Noten par Frederic Malle"? E'  un orientale sorprendentemente sofisticato e delicato, caratterizzato da una linearità quieta e senza fronzoli (formula breve), da cui emerge una nota biscottata (vero legno di sandalo ottenuto da risorse sostenibili: una rarità!) che lega in maniera equilibratissima e lievemente gourmand spezie e muschi bianchi. 
Andate senz'altro a provarlo! 

2 commenti:

Clockwork Fairy ha detto...

Sono capitata qui per caso e, sono rimasta piacevolmente sorpresa. Blog che mi colpiscano e affascinino ce ne sono veramente pochi. Complimenti per il tuo lavoro e per gli articoli, ho già messo il tuo blog tra i miei preferiti.

Marika Vecchiattini ha detto...

Ciao Clockwork Fairy, e grazie per i complimenti! Ora vengo anch'io a visitarti!