30 aprile 2013

Trento Filmfestival: 3 maggio ore 11/May 3rd at 11

In occasione della 61esima edizione del prestigioso Trento Filmfestival, la città ospiterà un ricco calendario di convegni, incontri con scrittori ed alpinisti, serate a tema ed eventi culturali.
Tra questi vi segnalo quello di venerdì 3 maggio, alle 11 presso il Cafè de la Paix, Passaggio Teatro Osele, intitolato "Destinazione... Turchia: profumo d’Oriente".
A condurre l'incontro ci sarò io, che vi accompagnerò ad esplorare le spezie, le loro storie, il loro intenso, caratteristico profumo e come questo viene usato in profumeria.
Seguirà un brunch all’insegna della tradizione culinaria turca a cura degli chef del Cafè de la Paix (cliccate qui per maggiori informazioni)

Aspetto tutti gli amici trentini per annusare insieme!


On the occasion of the 61st edition of the prestigious Trento Filmfestival, the city of Trento will host many events such as conferences, lectures with writers and other cultural events  not to be missed.
Among these I'm happy to highlight that on Friday, May 3rd at 11 at the Cafè de la Paix I will lecture on "Destination Turkey... a smell of Orient". I will guide the public in an exploration of spices and their scents, their history, their usage in perfumery. 
The lecture will be followed by a Turkish brunch, created by the chef at Cafè de la Paix.
Here you'll find more info!

27 aprile 2013

Una nuova Linea: Perris Montecarlo

Nelle settimane scorse ho potuto esplorare una nuova linea, "Perris Montecarlo" di cui avevo letto qualcosa online ma poco, perchè è un lancio relativamente recente.

La linea si compone di cinque fragranze (un muschiato, due orientali, un ambrato e un legnoso) basate su un'idea molto forte di Oriente: un Oriente moderno e piuttosto chic, popolato da eleganti Signori e Signore che non odorano di spezie e frutti esotici, ma di legni preziosi, muschi e resine.
Gli accordi non sono particolarmente sorprendenti o innovativi, sono quelli della profumeria classica che tutti conosciamo ed amiamo, ve ne parlo perchè fragranze così voluttuose e soprattutto d'impatto immediato (cioè prive di complicate letture intellettuali), quando sono ben fatte m'intrigano sempre. E' che spesso ho voglia "solo" di godermi un buon profumo senza star tanto a pensare alla storia che c'è dietro, e in questo caso ho scoperto che dietro la linea Perris Montecarlo non c'è altro che... un sano, meraviglioso edonismo!

A new line: Perris Montecarlo

Recently I discovered a new line of scents, "Perris Montecarlo".
The line suggests an opulent and refined idea of Orient; its  five fragrances (a musk, two orientals, an amber-y and a woody) are not particularly surprising neither innovative -mostly, they are traditional accords from classical perfumery-, but I liked them all the same for their rich, velvety feeling and immediate impact (that is, the scents require no complicated intellectual reading). Sometimes I want to enjoy a nicely crafted scent with good vibes in it, without having to meditate on the creative process that's behind... well, behind the Perris Montecarlo line there is only a fresh, healthy hedonism.

24 aprile 2013

Atelier di Composizione / Composition Atelier

Sabato scorso si è svolto il secondo Atelier di Composizione Olfattiva al Profumificio di Genova. Gli otto partecipanti (per ragioni logistiche non possiamo prenotare più di otto persone) si sono cimentati nella composizione di una fragranza a scelta tra gourmand e speziata. Per me è stato un piacere trascorrere un pomeriggio insieme a loro, e accompagnarle in un percorso creativo-intimista che ha prodotto otto fragranze particolari: qualcuna più ludica e divertente, altre essenziali e luminose, altre decisamente "strane".
Vi posto qualche foto per condividere l'atmosfera di concentrazione e passione che si è respirata sabato. La prossima -e ultima- data è il 25 maggio!
----
Last Saturday, the second Composition Atelier has taken place at Profumificio in Genova. Eight participants have had the chance to compose their own scent. Here you have some pics, I hope they'll succeed in conveying the focused and extremely creative mood of the whole afternoon, which gave way to eight unique concoctions.



















19 aprile 2013

L'Eau de Merzhin (Anatole Lebreton, 2013)

Un paio di mesi fa Annamaria (Nyneve) mi ha messo sotto il naso un flaconcino con una fragranza nuova, di cui non avevo sentito parlare: "L'Eau de Merzhin" (ovvero l'Acqua di Merlino, in Bretone). Era particolarmente contenta perchè l'aveva composta un suo amico blogger francese, Anatole Lebreton (cliccate per vedere il suo blog "Civette au Bois Dormant", da cui è tratta la foto).

New: L'Eau de Merzhin (Anatole Lebreton, 2013)


A couple of months ago Annamaria (Nyneve) put under my nose of a vial with a new fragrance  I hadn't heard anything about: "L'Eau de Merzhin" (ie Merlin's Water, in Breton). She was especially happy because the author was one of her French blogging friends, Anatole Lebreton (click to see his blog "La Civette au Bois Dormant", where the pic comes from).

15 aprile 2013

Osmotheque: Focus sulla Tuberosa (2/2)

(questo post inizia qui)
La tuberosa ha un carattere per nulla gentile o accomodante, è difficile accoppiarla con qualcosa che non ne condivide alcuno dei suoi aspetti! Ad esempio l'hedione o il bergamotto non sono adatti perchè la tuberosa non possiede accenti agrumati nè una freschezza cristallina... Le note animali o legnose invece vanno dosate attentamente per non mascherare il lato fiorito che la caratterizza. La tuberosa preferisce senz'altro essere affiancata da note di altri fiori bianchi, note fruttate o verdi. Siccome in questi ambiti molto è già stato detto, per non cadere nel "già sentito" oggi si tende ad affiancarle qualche molecola sintetica, come il salicilato di benzile che ne accentua la sfaccettatura "esotica" o note "salate" in grado di accentuare il lato metilico che la tuberosa condivide con gli altri fiori bianchi.

Osmotheque: focus on Tuberose (2/2)

(This post originates here)
Tuberose is all but an accomodating note: it is difficult to pair it with something that doesn't share any of its aspects! For example, hedione or bergamot are unsuitable because tuberose has no citrus accents nor crystalline light... Animal or woody notes would be tricky and should be dosed carefully not to cover up the floral facet. Tuberose certainly prefers the company of green or fruity notes and, above all, notes from other white flowers. In these areas much has already been said, and to avoid the "deja-smelled" effect, today's perfumers tend to rely on synthetic molecules such as benzyl salicylate which accentuates the "exotic" facet or "salty" notes highlighting the methyl side tuberoses share with other white flowers.

8 aprile 2013

Osmothèque: Focus sulla Tuberosa (1/2)

Una delle più interessanti conferenze tra quelle in programma durante Esxence, aveva per oggetto un fiore che ha tanti innamorati quanti detrattori: la Tuberosa. Emmanuelle Giron dell'Osmothèque ci ha guidati nell'affascinante esplorazione di questa nota, usata con parsimonia in profumeria a causa della sua voce squillante come una tromba e un carattere aperto ed esuberante con un sottofondo leggermente misterioso che fa tanto "femme-fatale".
La tuberosa è nativa del Messico, dove veniva tradizionalmente usata per profumare... il cioccolato! I suoi fiori sono di colore bianco perchè la tuberosa fiorisce di notte, quando i colori non si vedono; per attrarre gli insetti impollinatori quindi, lei e gli altri fiori bianchi (tra cui gelsomino, fiordarancio, magnolia, ylang ecc) hanno dovuto ricorrere ad una strategia meno "visiva" ma altrettanto potente: un profumo così forte da stordire.

Osmothèque: focus on Tuberose (1/2)

One of the most-expected lectures scheduled during Esxence was focused on tuberose, an essence having as many lovers as haters, and Emmanuelle Giron from Osmothèque had the task to lead us on a tour around this note.
I love tuberose for exactly the same reason why others hate it: for her loud voice evoking a trumpet, for the opennes and exuberancy, with a slightly mysterious background.
Tuberose is native to Mexico, where it was used to flavor ... chocolate! Tuberose flowers are colored white because they bloom at night, when colors are not visible; to attract pollinating insects then, she and all the other white flowers (including jasmine, orange blossom, magnolia, ylang etc.) have resorted to a less "visual" strategy: a stunning perfume.




5 aprile 2013

Ficcanaso in Borgo/Sniffing in town (21marzo-8 maggio, Ascona)


Dopo il successo che la mostra "Ficcanaso al castello” ha riscontrato a Bellinzona la scorsa estate, gli organizzatori hanno deciso di riaprirla ad Ascona, col titolo "Ficcanaso in borgo”. La mostra è ospitata Presso Casa Serodine, ad Ascona (Svizzera), dal 21 marzo all’8 maggio  2013. L’esposizione ludico/divulgativa propone 100 odori diversi: profumi, puzze e odori insoliti che, tra una curiosità e l’altra, accompagnano i visitatori alla scoperta del funzionamento del senso dell’olfatto. Il percorso si snoda dalla fisiologia dell’olfatto alla chimica degli odori, dalle fragranze di piante e animali, ai profumi. È possibile giocare con le puzze più disgustose, magari apprezzandone per una volta l’utilità ma anche deliziarsi con profumi di fiori facendo riemergere ricordi e vissuti.
-------------------------------------
After the success of the exhibition "Ficcanaso al Castello/Sniffing at the Castle" held in Bellinzona last summer, the organizers have decided to re-open it in Ascona  with the title "Sniffing in town".
The exhibition will be housed at Casa Serodine in Ascona (Switzerland), from 21 March to 8 May 2013 and will take visitors to explore the functioning of the sense of smell. The path runs from the physiology of smell to chemical odors, to the smell of plants and animals, to perfumes. You can play with the most disgusting smells, but also indulge in the most beautiful flowers...

Info: here/qui

2 aprile 2013

Thomas Fontaine e la Maison Patou (2/2)

(questo post inizia qui)
Per questa intervista incontro Thomas ben due volte, ed entrambe finisco letteralmente ipnotizzata da quei magnetici occhi blu...


Thomas, raccontami il tuo ruolo presso Patou!
“Il mio ruolo all'interno di Patou è... creare profumi! Ovviamente per prima cosa è necessario vigilare sulle fragranze storiche, ma questo non significa che non stiamo pensando ad eventuali fragranze nuove. Ma di questo parleremo dopo".

Com'è lavorare per un marchio così ricco di storia?
"Bellissimo, io ho sempre desiderato lavorare per Patou! Quando studiavo all'Isipca, il patronage per i miei studi era proprio di Patou!" si vede che niente accade per caso...

Thomas Fontaine and the House of Patou (2/2)

(this post originates here)
For this interview I met Thomas Fontaine twice, and both times I was literally mesmerized by his icy-cold blue eyes: a letal weapon he's very well aware of!


Thomas, tell me about your role at Patou!
"My role at Patou is to... create perfumes! Obviously this involves monitoring the historical heritage, but that does not mean we're not thinking about any new fragrances. But... more about that later!"

How is it working for a brand so rich in history?
"Great, I've always wanted to work for Patou! At Isipca my patronage was by Patou!" well, nothing seem to happen by chance...