26 febbraio 2014

Parfums Rares/Rare Perfumes: new book by the Osmothèque


Today I'll show you pics of a newly released book, "Parfums Rares" published  by Osmothèque (website) in collaboration with Terre Bleue. The book presents artistic perfumery as a new and important niche inside the perfumery market, and presents some brands of particular interest.


Pages are full of pictures, the text provides anecdotes and brands' histories. There is also an English edition, entitled "Rare Perfumes".


It is important to purchase it because it's interesting and well done,  but especially because it finances the activity of collection, study and conservation the Osmothèque carries on in Versailles. Osmothèque is in fact the only perfume library in the world, the place where thousands of rare fragrances are safeguarded, including some very old and vintages that made the history of perfumery and unfortunately have completely disappeared. 
I had already written about them herehere and here
Those who wish to support the Osmothèque can also join the SAO (Société Amis Osmothèque, membership fee 40 euros). 

Parfum Rares: un nuovo libro dell'Osmothéque

Oggi vi parlo di un libro appena uscito, "Parfums Rares" edito dall'Osmothèque (sito qui) in collaborazione con l'editore Terre Bleue. 
Il libro è una presentazione della profumeria artistica come nuovo e importante segmento della profumeria generale
e illustra alcune Maison che a giudizio dell'Osmothèque risultano particolarmente interessanti.
Le pagine sono ricche di immagini, e il testo offre aneddoti e la storia dei marchi.
Esiste anche l'edizione inglese, intitolata "Rare Perfumes".
Sarebbe importante acquistarlo perché è un bel libro, ma soprattutto perché così si finanzia l'attività di raccolta, studio e conservazione dell'Osmothèque, l'unica conservatoria di profumi del mondo, ovvero il luogo dove sono custoditi tremila profumi tra cui alcuni molto antichi e vintages che hanno fatto la storia della profumeria e che purtroppo sono completamente scomparsi.  Chi desidera sostenere il lavoro dell'Osmothèque, naturalmente può anche solo associarsi alla SAO (Societè Amis de l'Osmothèque, quota associativa 40 Euro). Siete interessati all'attività dell'Osmothèque? Ne avevo parlato anche quiqui e qui!

Buona lettura!








19 febbraio 2014

GS03 (Geza Schoen for biehl. parfumkunstwerke)


To date, none of the fragrances by German composer Geza Schoen really convinced me. I had explored those of his Escentric Molecules line and then Paper Passion, the perfume inspired by the smell of freshly printed books created for Wallpaper magazine and I understood that he's got a precise and original idea on what a perfume should be, but unfortunately, his idea and mine had not met yet. I had always thought his fragrances are too intellectual, uneventful, lacking excitement, while perfumes for me should be a little more complex, rich and vibrant...
GS03 biehl.parfumkunstwerke however, is another story: original, crisp and complex, it reflects a Master's skill and an innovative "vision" that completely won me over.

GS03 (Geza Schoen per biehl. parfumkunstwerke)

Fino ad oggi, nessuna delle fragranze firmate dal compositore tedesco Geza Schoen mi aveva convinta davvero. Avevo incontrato quelle della sua linea Escentric Molecules e poi Paper Passion, la fragranza ispirata all'odore dei libri appena stampati creata per il magazine Wallpaper, e avevo compreso che Geza ha una sua idea precisa ed originale su cosa dovrebbe essere un profumo, ma purtroppo la sua idea e la mia, finora non si erano incontrate. Nelle sue fragranze mi è sempre sembrato che accadano poche cose, che siano troppo intellettuali e poco eccitanti, mentre io considero "profumo" qualcosa di compositivamente più articolato, ricco e vibrante.  
GS03 di biehl. parfumkunstwerke però, è tutta un'altra storia: originale, pulita e complessa, vi ho sentito dentro una maestria esecutiva e una "visione" che mi ha catturata.  

15 febbraio 2014

Nuovo: Giulietta Capuleti soul drops

In questi giorni sto indossando "Giulietta Capuleti", una fragranza lanciata l'anno scorso da una ragazza italiana, Brunilde Mara De Guidi. Mara è cresciuta a Verona, non distante da quel Palazzo Capuleti dove si dice abbia vissuto Giulietta, e giorno dopo giorno si è abituata a vedere migliaia di turisti avvicendarsi sotto la famosa finestra da cui Giulietta si mostrava al suo bel Romeo... un giorno si mise a riflettere sulla personalità di questa eroina e sulla sua forza d'animo, passione, fedeltà ed indomito coraggio. Dalla sua ammirazione è nato il profumo "Giulietta Capuleti", una sorta di omaggio ad un'icona di romanticismo, una sorta di celebrity scent che la celebrity non ha potuto approvare per ragioni di forza maggiore, ma che probabilmente le sarebbe piaciuto molto perché ne rispecchia l'ambivalenza donna/ragazzina, passione/purezza.
L'ho trovato un profumo gentile ed ottimista, con una bella spinta gioiosa data da una nota di pepe rosa che domina l'apertura: una nota costosetta, se la rapportiamo alla sua relativa inutilità (visto che in una fragranza dura sì e no 3 minuti, poi non la senti più).

New: Giulietta Capuleti soul drops


These days I'm wearing "Giulietta Capuleti" (Juliet Capulet), a fragrance launched last year by an Italian girl, Brunnhilde Mara De Guidi.
Mara has been raised in Verona, not far from Palazzo Capuleti where Giulietta is said to have lived; day after day she got used to seeing thousands of tourists under the famous window where Juliet showed herself to handsome Romeo... one day Mara began to think about the multifaceted personality of this romantic heroine: strong, passionate,  faithful, and indomitably brave. "Giulietta Capuleti" scent comes out of Mara's admiration for her, a sort of homage to a celebrity -who couldn't test it for reasons of force majeure, but that probably would have loved for its woman/girl and passion/purity ambivalence.
I found it pleasant and upbeat, with a nice boost given by a joyful pink pepper dominating the opening, a quite costly note, compared to its relative uselessness (it lasts 3 minutes and then you don't detect it anymore).

8 febbraio 2014

Castello di Ama: gli spray!

Tempo fa vi avevo parlato di una linea di candele, “Castello di Ama(sito qui) che avevo amato molto: in effetti sono tra le pochissime candele che io abbia effettivamente portato ad esaurimento (di solito mi stufo prima). In particolare avevo apprezzato il fatto che la cera che si sciogliesse in maniera uniforme e che i profumi si sentissero bene già da spente; mentre da accese, devo ammettere che saturano la stanza. 
Le fragranze descrivono olfattivamente le quattro stagioni in un podere della campagna Toscana, permettendo di assaporare i profumi che la terra emana ad ogni stagione. Ve ne riparlo perchè le stesse fragranze delle candele sono uscite anche in versione spray, e nelle ultime settimane ho potuto provarmele con un po' di calma.

Castello di Ama: the sprays!


Some time ago I wrote about a line of candles I love, named "Castello di Ama” (website here): they're among the few candles that I actually burned completely (usually I get bored before). In particular, I appreciated the wax melting evenly and the scents, smelling great even when the candle isn't lit and fully saturate a room when it is. Moreover I especially loved the four fragrances: four seasons to spend in a farm in the Tuscan countryside, enjoying the smells that the land emanates in each season. Now the same fragrances are put into sprays, and in recent weeks I tried them with great pleasure.

5 febbraio 2014

Le fialette Uermì

... in partenza!
 Ho aspettato di ricevere tutti gli indirizzi di chi ha partecipato al gioco di inizio anno. Tra un paio di giorni ne scriverò: siete invitati a partecipare alla recensione!