27 giugno 2015

Iris Mater (Michele Marin per Castello di Ama, 2014)

Il bello dell'iris è che, ancor meglio di altre note, sa esprimere uno spettro quasi infinito di sfaccettature; in base a come viene trattato e a cosa si sceglie di mettergli accanto mostra caratteristiche diversissime in ogni profumo in cui entra: una natura regale (Iris Silver Mist di Serge Lutens), oppure intellettuale e sofisticata fino al midollo (Hiris di Hermes e Bel Respiro di Chanel), minimale ed incline all'ascesi (Iris Poudre di Frederic Malle, Iris Nazarena di Aedes de Venustas), opulenta e femminile, vagamente retrò (Attrape Coeur/Guet Apens di Guerlain) oppure, come nello splendido N.19 di Chanel, una austerità scostante e terribilmente snob.