15 agosto 2017

Naja (Vero.profumo, 2017)

Nelle intenzioni di Vero Kern, compositrice svizzera capace di emozionarmi come pochi altri, il suo nuovo profumo Naja doveva rappresentare l'archetipo del serpente. Anzi, del Cobra reale. Il Cobra come emissario della Terra, del suo calore, della sua forza primitiva e trascinante, del potere di dare e togliere la vita. Naja come personificazione della saggezza degli sciamani, della loro conoscenza del ciclo delle anime. Naja come le spire che ti avvolgono, l'ipnosi dello sguardo, il buio della tana nascosta. Persino io, che aborro i serpenti, ne sono rimasta affascinata! 

Naja -il profumo- mi ha riportato alla mente alcuni grandi classici del passato-molto-passato, accomunati da una nota tabacco di grande morbidezza: Habanita di Molinard, Tabac Blond di Caron, e sopra tutti lo splendido Scandal di Lanvin. Ma anche l'Ambre Antique di Coty, Zibeline di Weil e alcuni vecchi Lentheric. Insomma, il meglio del meglio tra i progenitori dei profumi al tabacco. 
Perchè la vera maestria di Vero, quel che la rende così speciale, è la capacità di assorbire le lezioni della grande profumeria classica, farle proprie e riproporle in maniera personale e moderna, completamente originale, senza che sembrino datate. Non lo sa fare nessun altro, e io mi inchino davanti al suo talento.
Il suo Naja si scioglie letteralmente sulla pelle di chi lo indossa con una sensazione di “aura profumata” difficilissima da ottenere: in effetti non senti il profumo come entità a sè, piuttosto, percepisci chi lo indossa come soffuso di una delicata aura dorata molto intrigante. 
Naja dura un'eternità, avvolgente come una carezza, elegante come un paio di guanti preziosi. E' costruito intorno all'accordo pelle, arricchito e arrotondato dall'osmanto e dalla sua incredibile sfaccettatura albicocca, e da note di miele e tiglio che lo rendono tenero e polveroso. Tutto qui. 
Semplice, no?
No, dentro c'è molto di più.
C'è una saggezza ancestrale, quella degli sciamani che sanno come redimere i conflitti tra due mondi, c'è una tonnellata di amore materno, di quello che ti abbraccia senza costringerti, e ci sono lunghi discorsi davanti al fuoco: parole sussurrate, pelle su pelle, occhi negli occhi, un sospiro dietro l'altro fino all'alba.


Ecco, alla fine, è di questo, che dovrebbero parlare i profumi secondo me…

Sito di Vero.profumo: qui



4 commenti:

rob ha detto...

Trovo che sia un altro capolavoro di Vero. Purtroppo la nota tabacco non fa per me...

Anonimo ha detto...

Il profumo sembra una favola, se descritto con le che usi.

Ottimo prossimo acquisto.
Grazie sempre per la condivisione del viaggio.

Sandra Barros ( Brasile)

Anonimo ha detto...

Il profumo sembra una favola, se descritto con le che usi.

Ottimo prossimo acquisto.
Grazie sempre per la condivisione del viaggio.

Sandra Barros ( Brasile)

ADJIUMI ha detto...

Che dire, è il classico uomo non tanto bello ma così interessante che lo vuoi sulla pelle per la vita.