22 giugno 2007

White Linen (Estèe Lauder, 1978)


Si apre con un mix pulito e fresco di limone ed aldeidi, subito rinforzate da un gelsomino raffinato e non troppo dolce. Io lo adoro, il gelsomino. Qui non è la nota dominante, perché è associato a garofano, mughetto e lillà per un effetto asciutto, talcato, garbato, quasi timido. Si chiude con cedro, sandalo e benzoino, un fondo rarefatto e non invadente molto coerente col resto della composizione. Un profumo pulito nel senso di netto, definito, una fragranza in cui tutte le note sono miscelate tra di loro senza accenti acuti, senza opposti, senza cuciture fastidiose.
Definisce un'eleganza sofisticata, intellettuale, di una donna che si profuma per sé stessa e che preferisce starsene un pò per conto suo, piuttosto che in mezzo al casino. Una che si muove in maniera elegante semplicemente perché lo è.
La composizione di WL negli anni non mi pare cambiata, e quando l'annuso ritorno al periodo in cui ero una ragazzina e annusavo qualsiasi cosa avesse un odore. Avevo una venerazione per questo profumo ma ovviamente -avrò avuto 14-15 anni- non potevo permettermelo, quindi mi è rimasto dentro come un desiderio struggente ed irrealizzabile. Il profumo dell'impossibile.
E' uno di quelli che periodicamente vado ad annusare, ma fino ad oggi non l'ho mai comprato. Mi piace riaprire la porta ogni tanto e ritrovare quell'emozione. Ma forse ora dovrò farlo, prima che modifichino qualcosa nella composizione e quest'emozione resti chiusa dietro ad una porta ed inaccessibile per sempre. Forse la paura che cambino le formule alla chetichella mi sta facendo diventare paranoica, ma mi preoccupa che quest'anno abbiano lanciato il Pure White Linen, che dovrebbe essere una versione alleggerita e modernizzata dell'originale, ma che a dirla tutta non lo ricorda nemmeno da lontano. WL ha personalità e carattere; Pure WL, no. Anche a livello creativo, non ha originalità e secondo me anche la qualità degli ingredienti lascia un pò a desiderare. Non che questo sia un handicap in generale, ma lo firma Estée Lauder, marchio leader della cosmetica USA con un posizionamento alto ed immagine di lusso e raffinatezza (o almeno, la versione americana di questi due concetti), e questo sì che è un problema. Se ne devono essere accorti: così, per dargli una patina glamour hanno chiamato Gwyneth Paltrow, già testimonial di Pleasures. La Paltrow ha l'immagine perfetta per White Linen. Purtroppo però l'hanno utilizzata per promuovere "il fratellino insipido". Ricapitolando: marchio prestigioso, testimonial raffinatissima, profumo banalotto. Ok, già visto.

4 commenti:

fatina ha detto...

Questo profumo mi piace tantissimo, posso dire che parla di me. L'ho usato a lungo in un determinato periodo della mia vita e ancora adesso quando ho bisogno di tenerezza lo cerco sulla mensola. Mi basta sentire l'odore del tappo.
E' grande il potere dell'olfatto!

A presto!

Laura ha detto...

Questo profumo è esattamente il contrario di quello che il profumo è per me!
Non posso dire che non mi piace, ma è rarefatto, troppo luminoso, troppo aperto (non riesco a dirlo meglio), troppo altero ecco.
Una donna così elegante e raffinata da suscitare soggezione: e in effetti, non sono io ;)

Marika Vecchiattini ha detto...

Laura, ciao e grazie per il tuo commento, in effetti il bello die profumi che ci parlano con voci così differenti e uniche... c'è qualcosa di speciale per tutti, ognuno può trovare la sua voce olfattiva, e cercarla, prendersi il tempo per provare, annusare, concentrarsi, vedere che immagini ci suscita, e poi passare a quella dopo, e cercare ancora.... insomma, è una delle gioie della vita! :-)

anna ha detto...

Ciao, che bel blog! E' una bella scoperta, grazie! Intervengo per spezzare una lancia a favore di "Pure"... Sono da sempre una fan di White Linen (sarò una che mette soggezione, boh, in effetti sono single ;-)perché amo i profumi che sanno imediatamente di pulito. Di Pure uso solo la versione azzurra, che lo ricorda moderatamente, è decisamente più aggiornato e meno presenzialista. Non l'ho mai indossato senza sentirmi chiedere "che profumo buono, cos'è?". Per me è un compagno inseparabile. Purtroppo anche introvabile, almeno qui a Roma. Un caro saluto, Anna