5 maggio 2010

Profumo di rose / Rose scents

Che ne dite di festeggiare il mese di maggio con un profumo alla rosa? E' vero, la Regina dei Fiori e io non andiamo particolarmente d'accordo, ma.... ci sono eccezioni.
Domani (giovedì) e venerdì, ho deciso di indossare un profumo alla rosa. O uno che mi piace (...) o uno che magari non mi fa impazzire, ma lo indosso per ristudiarmelo un pò insieme a voi.
Secondo voi cosa dovrei indossare?
E voi, avete voglia di viaggiare con me tra le rose e indossare anche voi, per due giorni,  fragranze dominate da questa nota?


What about celebrating the month of May with a rose bouquet? Ok, the Queen of Flowers and I don' get along particularly well, but... there are exceptions. Tomorrow (Thursday) and Friday, I am wearing a rose fragrance. One that I like (...) or one that I'm dubious about, but wearing it on these two days may give me opportunity to study it together with you.
What do you think I should wear?
Who feels like joining me in this  journey, wearing rose fragrances for two days?  

Foto/Picture: qui

17 commenti:

nasotappato ha detto...

dovresti provare Cinabre di Maria-Candida Gentile : lussurieggiante e sensuale !!!
E Nahema di Guerlain : un cult !!! e sai che non mi agito facilmente. Un bacio rosato !

gretel ha detto...

non sono un'amante della rosa quando è predominante(non riesco nemmeno a trovarla sensuale come tutti dicono, ma io sono un caso a parte!) e non mi ha mai fatto impazzire ma ci sono 4 composizioni che, a mio parere, risultano interessanti e comunque provare. il primo è DEEP ROSES di Montale,tripudio di rose opulente e con una noticina di Oud che le esalta senza soffocarle. Il secondo è L'OMBRE DANS L'EAU dyptique, una rosa verde e brinata che trovo davvero evocativa (forse l'unica che riesco ad indossare con vero piacere)la terza è ROSE IKEBANA di Bois1920, non certo originale ma con la sensazione tattile dei petali di rosa vellutati che cadono lieti sulla pelle (una sorta di American Beauty in versione soft :-)).
la 4 è EAU DE KASANEKA di Menard, dove la rosa non è predominante ma un piacevole di sottofondo a favore di altre note davvero magiche. è uno dei miei preferiti in assoluto, rosa o non rosa, dal 2007, e rimane sempre un must personale. e pensa che dalla composizione dichiarata mai l'avrei detto!
Sono certa che le vere appassionate di Rosa ti sapranno indirizzare molto meglio ma...se ti capitano sottomano queste 4, fammi sapere cosa ne pensi.

Złodziejka Róż ha detto...

Oh dear! Maybe Voleur de Roses by L'Artisan or Rose Poivree by The Different Company? RP is more fresh, while VdR is full of mystery. Both scents are not obvious yet the accord of rose is very tangible in them. Unfortunaltely, the same cannot be said about any given rose fragrence.

Basically, I thinks it's very easy to botch up rose in perfume as the flower is associated with serenity and docile femininity. Consequently, it's difficult to find a different olfactory interpretation of the beautiful but perilous flower.

Anyway, I keep my fingers crossed for your journey to the kingdom of the Queen of Flowers :]

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Ciao nasotappato, Cinabre lo sto provando da più giorni perchè sto scrivendo un post proprio su Maria Candida e sui suoi profumi (una vera scoperta!) e quindi a lei dedicherò prestissimo uno spazio tutto suo. Nahema! Grande! Non ci avevo pensato, quanto hai ragione!

Gretel, L'Ombre dans l'eau e io vibriamo in due modi così diversi che non c'è accordo: io non sono per lui, e lui non è per me. E l'aeu de Kasaneka lo avevo e ho dovuto scambiarlo a causa di una notina che proprio m'infastidiva... indovina quale? La ROSA! Invece il Montale e il BOIS1920 non li conosco, devo assolutamente correre ai ripari e andarmeli a sentire, grazie per lo stimolo!

Zlodziejka, hi! yes, you're right, Roses have been used so much that it's difficult to use them nowadays in a truly original way. Rose Poivrèe is one of the few rose scents that I actually like, because it's a different interpretation of this flower, not so obvious, so feminine or docile. And Voleur de Roses, well, I have a sample... Why not? Thanks for suggesting!

Magnifiscent ha detto...

Cara BeB,
che bella idea. La rosa e io abbiamo un rapporto di amore-odio come tra i più capricciosi e passionali amanti. Classico della profumeria, spesso al limite della banale, saponosa e austera toeletta della nonna, diventa interessante, perfino nei profumi da uomo in pochi casi. Esistono poi moltissime sfumature della nota di rosa (tea, bulgara etc etc...). Per farla breve ho deciso di portare un parfum che non so se conosci, cristallino e vibrante al tempo stesso: Sottile di Yosh che abbina una Tea ad un verdissimo mughetto primaverile. Purtroppo ne ho solo mezzo campioncino ancora altrimenti te ne manderei un assaggio volentieri.
Magnifiscent

Alessandra di Varese ha detto...

Visto che siamo in tema, INCENSE ROSE' di Andy Tauer, decisamente.

La rosa più leggera si sposa ad una rosa più potente e profonda e si sviluppano in una sfumatura di incenso. Bravo Andy.

Anonimo ha detto...
Questo commento è stato eliminato da un amministratore del blog.
Michael Mattison ha detto...

I love the smell of real roses and the smell of Diptyque's "Roses" candle; with both you realize just how "green" a rose's scent actually is, whereas in perfumery too much sweetness is often added. So, no: I'm not a big fan of roses in perfumery, esp. as a man, but Amouage's "Lyric" is a gorgeous dark rose that is intended for a man but would be better for a woman. And "Rose noire" by Byredo is a scent I was just recently introduced to by a close lady friend, and it smelled wonderfully spicy and peppery.

I love being back on your blog; hadn't stopped by for a while. Always a treat!

All the best,
Michael
PS: I'll be doing a few fragrance post very soon; would love to hear your opinions!

Sabricat Glamour ha detto...

Una rosa di F. Malle, vale la pena menzionarla perchè è la piu vera, assoluta, senza orpelli, commovente..
Ieri dopo aver provato Cinabre rosa maestosa e decisamente pepata, ho voluto riprovare Espery di Coudrey che avevo riposto nel dimenticatoio perchè giudicato troppo aspro e secco, quasi salino.
A pensarci bene la stessa sensazione di quando Andy Tauer ci ha fatto sentire l'assoluta di rosa. Infatti dopo qualche minuto questo profumo si è evoluto in una rosa vellutata ed elegante che prima non avevo capito.
Evviva la rosa!!!

marzipan ha detto...

Veramente non faccio altro perchè sarò banale ma io la rosa la AMO. Per riconciliarti con la rosa femminina e docile io direi la pastosa Rose Jacqueminot. Non colpisce subito ma ne diventi schiavo.

betta ha detto...

Ciao BeB!
da poco mi sono affacciata sul mondo della profumeria artistica e su questo accattivante blog, che ne è un vero e proprio vademecum. Anche se sono un Naso principiante, provo a dire la mia: Elizabethan rose di Penhaligons.
Buoni profumi a tutti!!

ps: giusto per non rimanere Anonima :-)

Anonimo ha detto...

io ti consiglierei anche SIDERIS di Maria Candida Gentile: incenso, rosa turca e zafferano, che goduria!! -prisca-

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Magnifiscent, che bella scelta, Sottile è un profumo bellissimo! Sì, conosco i lavori di Yosh (oltre ad aver conosciuto anche lei personalmente) e mi piacciono davvero tanto. Ne avevo parlato a settembre, consgliando a tutti di provare le sue fragranze. Sottile, poi, è particolarmente raffinato (e come poteva essere diversamente, visto da chi arriva il sugerimento?).
Alessandra, cara, Incense Rosè è in effetti è molto più Incenso che Rosa e lo terrò presente per domani. Grazie!

Ciao Betta e benvenuta! ho caricato il commento doppio, poi quello anonimo lo elimino e lascio solo quello col nome, ok? Bel suggerimento l' "Elizabethan Rose" di Penhaligon's, solo che... se non mi ricordo male, è un'interpretazione tantino troppo "classica" per me, che faccio veramente fatica a tenere addosso questa nota (forse un'insegnante di matematica o una zia antiptica odoravano di rosa? Mah). Grazie comunque per il suggerimento!

Sabri Lipstick Rose (F. Malle) io l'ADOROOOO!!! Perchè per me non è un profumo alla rosa, ma alla violetta. Cioè la rosa c'è e non è che non si senta ma è come se la la violetta l'avviluppasse tutta in un drappo sontuosamente viola scuro e... puf, me la nascondesse alla vista. So che è sempre lì ma non la vedo più. Purtroppo per ora questo profumo è ancora in wish list... ma provvederò presto. Il Coudray invece non lo conosco ancora.

Marzipan, eh magari... se ne trovi un flacone in qualche asta fammi un fischio che mi precipito! ;-)

Prisca, ebbene, ho finito anche la fialetta di Sideris (oltre a quella di Cinabre di cui parlavo più sopra), sempre per quel post su Maria Candida Gentile che sto preparando. Sono i suoi due profumi migliori, secondo me.
Ed in effetti in Sideris la rosa c'è ma quasi non la senti, è come se fosse il ripieno di un confetto mandorlato. Effettivamente, mi è piaciuto.

Matthew, darling, welcome back.
I left your answer for last because yes, today I've been wearing Voleur de Roses in the morning and Lyric since the beginning of the afternoon. I'm writing a post on these two. So I'll check you lovely blog to read about perfumes!

betta ha detto...

E ti ricordi bene perchè è proprio un classico, ma qual'è la differenza fra profumo alla rosa e acqua di rosa?
(spero di non far inorridere nessuno con la banalità della mia domanda)
ps: certo, cancella pure il commento anonimo...sono un pò imbranata :-)

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Betta figurati se qualcuno si scandalizza: tutti qui impariamo da tutti! L'acqua di rose è il risultato di un processo di lavorazione dei petali di rose, è uno dei materiali "di risulta", se possiamo dire così, della distillazione dei fiori. Durante la distillazione, il vapore acqueo presente dentro l'alambicco "stacca" dai fiori gli olii essenziali profumati e li trasporta lungo un tubo che ad un certo punto ha una serpentina di raffreddamento. Il vapore acqueo, tutto impregnato di olii essenziali di rosa si raffredda e quindi si condensa diventando acqua. L'olio essenziale, però, non è solubile in acqua e quindi si separa, venendo raccolto a parte. L'acqua che resta, cioè quella che ha "contribuito" a trasportare fuori l'olio, mantiene un certo odore di rose, e viene appunto detta "acqa di rose". L'acqua di fior d'arancio o di lavanda vengono create nello stesso modo.
Un profumo alle rose invece è appunto un profumo, cioè un'opera creata dall'umano intelletto, in cui l'autore del profumo, oltre all'olio essenziale o all'assoluta di rosa mette altre note: agrumi, gelsomino, altri fiori, legni o spezie, per creare una fragranza che racconti qualcosa. Elizabethan Rose è un profumo, quindi contiene molte altre note profumate, oltre alla rosa!

marzipan ha detto...

Cara B&B hai ragione. Ho avuto la fortuna di trovare uno zinzino di Jacqueminot tramite Lavinia e le sue aste e ora la sto centellinando. Se ricapitasse....

Sabricat Glamour ha detto...

Stavo rileggendo questo post e mi sono accorta di non aver scritto bene il nome del profumo di F.Malle.
Non mi riferivo a Lipstick Rose (mi piace tanto anche questo), bensi a Une Rose di Edouard Flèchier, una rosellina delicatissima e commovente.