23 novembre 2010

Animali notturni 1: Absolue pour le Soir (Maison Francis Kurkdjian)

Ci sono profumi che fanno paura. Eppure, nonostante la paura, non puoi non avvicinarli. Ovviamente con circospezione, lentamente, facendo cerchi concentrici sempre più stretti, senza perderli mai di vista... ti avvicini... ti avvicini... e quando ti sembra che siano abbastanza vicini da poterli toccare... bammm! con una zampata ti prendono loro.
Ti sbattono al tappeto, saltano sulla tua pelle e tu non puoi fare a meno di lasciarceli stare per tutto il tempo che vogliono. E quando vorrebbero andarsene, a quel punto, sei tu che non riesci più a fare a meno di loro. Attenti, quindi, a continuare a leggere questa recensione, perchè parliamo di pericolosi animali notturni, che solo per puro caso sono travestiti da profumi. Il primo è Absolue pour le Soir, di Francis Kurkdjian, quello simile ad una tigre del Bengala.
"Ruggirò in modo tale che ascoltarmi farà bene al cuore" dice un personaggio del "Sogno di una Notte di Mezza Estate" di William Shakespeare, ed in effetti un ruggito di gola, basso, vibrante, è esattamente quel che si sente qui.
Immaginate un grosso, morbido gattone peloso, sornione, impegnato nella siesta. Immaginate la sontuosa morbidezza del pelo folto e spesso, dorato con screziature nere; immaginate il fiato, caldo, greve, animale, dolce come il sangue della sua ultima preda; immaginate il ruggito da fiera: ruvido, possente, capace di arrivare lontano, terrificante e insieme così affascianante da ipnotizzare e scatenare le farfalle nella pancia. Immaginate questa tigre terribile e dolcissima al tramonto, appollaiata tra i rami di un albero, in attesa che i raggi infuocati scompaiano, e il buio le permetta di iniziare la sua caccia notturna. Bene, ora immaginatela mentre, scesa dal ramo, vi cammina addosso...
Benzoino del Siam (la morbidezza vellutata) , cumino (la nota bestiale, felina), ylang ylang, rosa bulgara e iraniana (maestose e imponenti), miele (come a dire "avvicinati senza paura: sono dolcissima"), incenso (affumicato e mistico), legno di cedro d'Atlante (per la ruvidezza) e di sandalo (per la ricchezza quasi tattile delle sensazioni).
Un profumo ipnotizzante, che da un lato può spaventare per la potenza e l'ombrosità (ho ricevuto alcuni commenti preoccupati, indossandolo), ma che dall'altro invita l'altro ad avvicinarsi, a lasciar andare la razionalità e a farsi preda, perdendosi nel suo appeal irresistibile.
Un lavoro davvero entusiasmante, potente, eccessivo, rischioso, strano della stessa stranezza dell'Oud e del Labdanum di Le Labo, e di Dzing! dell'Artisan Parfumeur.
Bravo!

16 commenti:

Michiko ha detto...

mmmmhh... sarà che hai questa esagerata capacità di far quasi "sentire" i profumi che racconti, ma... accidenti, una annusatina a questo mi sa che merita proprio... corro un grosso rischio, lo so lo so!! ;))

marzipan ha detto...

Marika sei telepatica? Sai che ce l'ho e non ho ancora avuto il coraggio di metterlo? Mi sembra "troppo" per me e sto aspettando l'occasione giusta e lo stato d'animo giusto.

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Secondo me il rischio è grosso: per quel poco che ti conosco, potresti caderne preda :-D

Marzi fai bene ad aspettare, questo non è un profumo "da tutti i giorni", richiede il tempo giusto per sintonizzarcisi. Comunque sai che non avrei pensato che sarebbe piaciuto proprio a te? So che sei una persona dai gusti prepotenti (ricordo un attar potentissimo, addomesticato come un tenero cucciolo), ma chissà perchè, non mi sei venuta in mente su questo. Donna delle sorprese!

marzipan ha detto...

Tesoro, hai ragione sui gusti prepotenti ma questo mi si ritorce spesso contro, perchè tendo a prendere sottogamba fragranze di tutto rispetto. Ultimamente mi ha dato qualche problema un Carnal Flower messo con allegra sbadataggine, non vorrei fare il bis con questo.

Alessandra di Varese ha detto...

Illuminaci. Indicaci in quale profumeria di Milano o dintorni si può testare questo singolare profumo.
Grazie in anticipo e un abbraccio.
Alessandra di Varese

cristina ha detto...

Che meraviglia! Rischioso ma correrò il pericolo:mio,mio! Lo vogliooooo!E avrò pure il coraggio di indossarlo. Grazie della magnifica recensione!
Cristina

Sabricat Glamour ha detto...

Anch'io l'ho preso, ma non ci siamo ancora incontrati. Mi aspetta sotto l'albero di Natale a Roma. Intanto sfogo (ogni tanto) il mio lato animale con qualche goccia di Madame X di Ava Luxe, che rientra perfettamente nella categoria "da far paura".
Diciamo che per adesso ho sentito solo la versione Cologne pour le soir e me ne sono innamorata, vedremo con questo Absolue che notti ruggenti :))
Sto meditando sull'acquisto di Tabac Blond estratto, chiedo a te che sei espertissima di grandi classici? Tento un'acquisto al buio?

francesca ha detto...

Ciao a tutti,
sono preda anch'io di questo profumo, tra quelli di Kurkdjian a mio parere il più intenso e complesso. Sento molto il benzoino, il legno di sandlalo, e uno sprofondamento verso l'intimità della notte.

Vittima anche del flaconcino con il tappo zincato!

Non potevo che condividere questa folgorazione. Approfitto anche per fare i complimenti a Marika per il suo libro.

ciao

francesca

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Lo sapevo che non ero l'unica ad essere rimasta vittima della tigre!

Alessandra, fino ad ora in Italia non lo sta distribuendo ancora nessuno ma... credo siano in arrivo belle sorprese di cui vi parlerò appena mi arriva la conferma!

Sabri, Anche a me Madame X (scoperto grazie a Milady) piace molto. Invece, di Tabac Blond nuova versione ne avevo ricevuto una goccina e ti devo dire che non lo avevo amato per niente: troppo acre e pungente, per me sgraziato. Quindi ti suggerirei di non prenderlo così al buio, prendi prima una fialettina (Lessenteurs e Ausliebe potrebbero averlo).

Francesca, ciao e bentornata a condividere la folgorazione (e grazie per i complimenti!). Il tappo zincato pesa mezzo chilo solo lui... quando me ne sono accorta, mi sono detta "forse voleva suggerire che questo profumo "ha un peso"?!? :-) In ogni caso hai ragione, il benzoino qui è davvero centrale; in genere viene usato come nota di sostegno nel fondo, ma secondo me chi lo sa usare solo così gli fa un torto: è una nota di una tale ricchezza così spessa e tattile che, usato nel modo giusto, riesce a dare personalità e complessità alle fragranze.

Sabrina, Cristina, Marzipan.... inutile dirvi che aspetto vostre recensioni quando lo indosserete!

Anna Maria ha detto...

Rispetto a voi sono davvero su un'altro pianeta, a me sembra importabile, ci sento un odore fortissimo di femme qui se néglige (per non dire che non si lava da un pezzo)
:(

cristina ha detto...

Ciao! In attesa di accostarmi a questa meraviglia, mi consolo con un'altra fragranza con qualcosa di ferino, meno inquietante di madame X, ma rauca e difficile:Habanita di Molinard (ne avevi parlato, Marika, un apo' di tempo fa, ripescandola dopo tanto tempo.Se hai avuto l'occasione di sperimentare il parfum, come lo hai trovato?Io ho sentito solo l'eau de toilette (persistentissima!)
Cristina

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Cristina, il parfum alla fine l'ho preso :-) Ha qualcosa di lievemente più fruttato e meno ruviso-fumoso-aggressivo rispetto all'eau de Toilette, come se avesse gli angoli più arrotondati, fin dall'inizio. Sulla persistenza non c'è niente da dire in entrambe le versioni, davvero ottima. Bella scelta davvero!
Anna lo so, lo so, la prossima volta che ci vediamo me ne cospargerò abbondantemente per vederti fare la faccia che fai quando qualcosa ti sconvolge le narici! Ah Ah Ah!!!! (risata da genio del male)

Magnifiscent ha detto...

Finalmente ho sentito il tanto famigerato Absolue e l'ho trovato morbidissimo, avvolgente, come l'abbraccio di due corpi affannati dopo l'amplesso, appagante. Se la tigre c'è, qui fa davvero le fusa sorniona. E' una fragranza forse non da tutti i giorni, ma che porterei tranquillamente e non troppo di rado. A riprova che sia portabilissima ha riscosso diversi complimenti da chi l'ha sentita su di me. Per inciso si trova da Profumo gia.

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Evviva! Quindi è ufficiale: li ha Profumo (Milano, Via Brera). Così chi desidera sentirli, ora può.
Grazie caro (e non avevo dubbi che ti sarebbe piaciuto;-))!

iodine ha detto...

Ciao a tutti, volevo dare un'informazione di servizio- per chi gravita intorno a Milano. Ce l'hanno anche in 10 corso como, luogo ameno in cui si possono passare delle belle ore ad annusare tutto quello che si vuole senza nessuno che interferisca (io a volte ho bisogno di solitudine mentre provo profumi).
L'ho annusato proprio ieri, ma già sulla mouillette mi faceva paura! Adesso però, mentre scrivo, non riesco a togliermela da sotto il naso!!!!

LisaJudith ha detto...

Ciao a tutti! li tiene anche la nuova profumeria Campomarzio70 in via di Vittoria 50 nel cuore di Roma!
Io l'avevo sentito diverso tempo fa ma ricordo che non mi aveva entusiasmata... ovviamente lo riproverò! le recensioni di Marika non lasciano altra scelta ;-)