3 marzo 2011

Il nuovo Serge Lutens: Jeux de Peau

Antefatto 1: finalmente, anche alla Rinascente di Genova, nel corner Shiseido, sono in vendita le fragranze della linea export di Serge Lutens.
Antefatto 2: dietro il banco Shiseido c’è Fabrizia, che non solo è gentile e sorridente, ma è soprattutto competentissima: oltre alla normale formazione che riceve in azienda, setaccia siti web e librerie per imparare quanto possibile sulla profumeria in generale, e sul lavoro di Serge Lutens in particolare. Abbiamo parlato di Inoui, di Nombre Noir, delle altre fragranze Shiseido dagli anni ’80 in poi scambiandoci aneddoti e opinioni, e per me è stato un piacere raro, di cui la ringrazio infinitamente.
Fatto: nell’occasione, ho indossato in anteprima Jeux de Peau, che uscirà a metà marzo.
Evviva! Finalmente Monsieur torna ad inebriarci con qualcosa
- di indossabile
- di inusuale e affascinante
- di indiscutibilmente "Lutens"
Certo, per indossabile non significa che piacerà a tutti, anzi. Intendo che dire che non è così estremo da risultare incomprensibile; ad esempio non mi è risultato altero e difficile come Bas de Soie, né esigente come Filles en Aiguilles, né gelido come l’Eau.
Chi ama le note “tipicamente Lutens” cioè quelle calde, orientali, legnose, speziate, qui le ritroverà tutte: legni e resine come in Santal Blanc Cedre, ambra e vaniglia come in Ambre Sultan, una puntina speziata-gourmand come in Chypre Rouge. Alla fine, quello che lo caratterizza davvero è lo strano accordo di apertura pungente-cremoso (elicriso e cocco? liquirizia e caramello?) che introduce uno dei più begli accordi gourmand che abbia sentito finora: un croissant francese scaldato in forno, imburrato con una dose generosa di quel burro demi-sel che io adoro. Accanto, ma non troppo vicina, una composta di albicocche (forse osmanto), e forse una goccia di miele.
Non immaginatevi qualcosa di dolce o stucchevole, il gioco salato/dolce, grasso/acido è perfettamente calibrato per restare in un sobrio equilibrio, adatto a uomini e a donne indifferentemente.
Quando la sensazione gourmand scivola via, e ci vuole un’oretta, restano i legni, la vaniglia e l’incenso, una chiusura che in effetti è la più Lutens di tutte, immediatamente riconoscibile.
L’ho indossato solo oggi, è presto per averne un’idea completa, dovrei risentirlo ancora, ma credo che non sarà una fatica!

2 commenti:

Anonimo ha detto...

grazie mille! il piacere è reciproco.ho ancora tante curiosità da soddisfare e "approfitterò" della tua competenza.Fabrizia

human pheromones ha detto...

WOW! I think that is a great perfume to use. Thanks for this.

eula w