31 luglio 2013

Pitti Immagine Fragranze 2013

Le date del prossimo Pitti Immagine Fragranze (Firenze, Stazione Leopolda) sono 13-15 settembre; io le ho già bloccate in agenda anche perchè il programma della manifestazione, che inizia a delinearsi in queste settimane, ha per tema la "Memoria", un argomento che mi interessa molto.  
- Proprio sulla memoria verterà la presentazione di Alienor Massenet, compositrice di IFF  che si occupa di riabilitazione mnemonica.  La sua lezione "Memoire Emotionnelle a travers l'Olfaction" racconterà 13 anni di lavoro con i più importanti ospedali parigini, nella riabilitazione attraverso l'olfatto, di pazienti colpiti da traumi ed amnesie.
- Anche Chandler Burr si conferma gradito ospite d'onore: sarà infatti lui a condurre il focus sul Medio Oriente.

Tenete d'occhio il sito di Pitti Fragranze per tutte le info e gli aggiornamenti (qui)!
-------------------
The next edition of Pitti Immagine Fragranze (Florence, Stazione Leopolda) is scheduled September 13-15: have you noted the dates on your agenda? I have, and I can't wait, because the program  taking shape in recent weeks has "Memory" as its main theme, a topic I'm very interested in.
- Alienor Massenet, composer of IFF will focus her presentation on mnemonic rehabilitation: her lesson "Memoire Emotionnelle a travers  Olfaction" reports 13 years of collaborations with the most important hospitals in Paris, in the rehabilitation of patients suffering from trauma and amnesia.
- Chandler Burr confirms a welcome guest of honor, he will in fact lead the focus on the Middle East.

Keep an eye on all the details and updates (in English) here!

3 commenti:

marzipan_28 ha detto...

E pensare che Turin dice che il profumo non ha a che fare con la memoria e il sesso, ma con la bellezza e l'intelletto. Un po' riduttivo, non credi?

rob ha detto...

Secondo me quello tra odori e ricordi è un legame potentissimo, che probabilmente ci condiziona molto di più di quanto immaginiamo, quindi anch'io sono in disaccordo con Turin su questo. Per me i profumi comunicano direttamente con la nostra parte emotiva e sensibile, il che è una delle cose che li rende così speciali. Poi naturalmente è anche bellissimo ragionarci sopra, ma come si riflette su una storia d'amore: prima la si vive, poi ci si pensa...

Marika Vecchiattini ha detto...

Marzi, Rob, avete assolutamente ragione, ma dovete considerare che Luca Turin è uno scienziato, quindi uno che con la bellezza del Creato e con l'intelletto che lo indaga e lo misura, ci lavora tutti i giorni. Ovvio che veda i profumi soprattutto come Bellezza ed Intelletto. E ben venga, perchè ce ne dà un'interpretazione anche oggettiva, utile a capire come vengono costruiti. Per Turin, indagare la costruzione che c'è dietro aggiunge bellezza a bellezza. Ad altri non aggiunge niente...

Io mi emoziono ogni volta che guardo una foto dell'Empire State Building. Io lo trovo così bello da scatenarmi quasi le lacrime. Sto lì e lo fisso in silenzio, pensando che è uno tra i manufatti umani più belli del mondo.
Qualcun altro invece, guarda l'Empire, gli piace e inizia ad approfondire come è stato costruito, i materiali che lo compongono, l'altezza e le proporzioni che ha, e più che dal grattacielo in sè, rimane affascinato dal progetto esecutivo che c'è dietro.
Sono due modi di vedere diversi, che si complementano benissimo a vicenda, no?

La magia dei profumi è che dicono cose diverse a persone diverse. E anche quando si esprimono in una lingua che tutti noi riconosciamo (parlano di fiori, o di talco, o di cioccolato...), ognuno di noi li recepisce in un dialetto che di solito è comprensibile solo a lui.