7 settembre 2017

Fleurs et Flammes - Antonio Alessandria, 2017

L'ultimo lavoro di Antonio Alessandria (sito qui), come suggerisce il nome Fleurs et Flammes, è un fuoco d'artificio di fiori. 
Sulla pelle femminile risulta già bello, ma ho l'impressione sia stato composto per omaggiare la pelle maschile. Sì, perchè questo bouquet fiorito, pur sontuoso e ricco, non di meno è sobrio, elegante, trattenuto, e sulla pelle maschile dà veramente il meglio di sé. Come se Antonio stesse cercando di dare una misura alla sua esuberanza compositiva, e nel fare questo, stesse raggiungendo un livello maggiore di astrazione
Detto così Fleurs et Flammes sembrerebbe un profumo concettuale e ”difficile”, ma non lo è: tutti i profumi di Antonio si caratterizzano per note ricche e corpose, textures soddisfacenti, quasi tattili, e questo non fa differenza. Però... Però ci sento una ricerca di quella linearità, di quella maggiore asciuttezza creativa -caratteristica rara ed affascinante- che caratterizza la famiglia degli chypre. 
Bergamotto, limone, rosa, giglio, fiori bianchi, legni, note muschiate compongono infatti uno dei pochi veri chypre moderni: luci e ombre, fuochi d'artificio e note umide e ombrose in un insieme asciutto, quasi mistico, di forte impatto. Il degno pronipote di una famiglia che era selvaggia ed affascinante come poche altre, e che oggi purtroppo viene bistrattata da profumini senz'anima, che di chypre hanno più poco. Per fortuna Antonio e pochi altri coraggiosi compositori ci danno qualcosa con cui consolarci.

Fleurs et Flammes è un'edp, e ha una durata di un paio d'ore; vi consiglio di spruzzare ed attendere un quarto d'ora perchè è dal cuore in poi che si sviluppa pienamente.

Nessun commento: