27 luglio 2015

Pitti Fragranze #13

ENGLISH TEST BELOW: JUST SCROLL!!!

Dall’11 al 13 settembre 2015, alla Stazione Leopolda di Firenze è di scena Pitti Immagine Fragranze (sito qui). Il programma sarà presto disponibile, intanto segnalo un paio di appuntamenti da non perdere:
- Chandler Burr ha preparato un dialogo tra arte visiva e olfattiva, un parallelismo tra differenti mezzi artistici che no vedo l'ora di esplorare.
- RAW, il nuovo format di Pitti racconta le più importanti materie prime delle fragranze; protagonista di questo primo anno, il Bergamotto Calabro.
MANE, azienda francese leader mondiale nella creazione di materie prime e fragranze pronte ha preparato un viaggio tra materie prime naturali e sintetiche, classiche e moderne.


Io ci sarò di sicuro. Voi?

From Friday 11 to Sunday 13 September 2015, the Stazione Leopolda (Firenze) will host Pitti Fragranze, the international fair that brings to Florence the world’s finest artistic perfumery. 
For this issue Chandler Burr has designed a path connecting visual art and perfumery, and MANE will be present for a conference to lead the public through most iconic raw materials. Moreover, RAW is the new section, where public can explore perfumery' raw materials, starting with Calabrian Bergamot.
Are you ready for Pitti?

22 luglio 2015

Amore e Psiche: arte vetraria e profumiera a Villa Carlotta

Fino al 2 agosto la bellissima Villa Carlotta di Tramezzo (Como) ospita “Microcosmo di Vetro”, un'installazione artistica di vetro di Murano a cura di Silvia Rutolo e Mauro Puccitelli. Di quest'installazione fa parte anche l'opera “Amore e Psiche”, che unisce all'arte vetraria la profumeria in una maniera insolita ed emozionante. 
Ma andiamo con ordine e parliamo innanzitutto della parte visiva: qui trovate il sito di Silvia Rutolo che non è solo una persona squisita, e una donna appassionata, ma soprattutto un'artista molto apprezzata, che crea dei veri capolavori da indossare. In particolare, quest'ultimo anno abbiamo collaborato con lei alla profumazione dei suoi “Bachi”. Lei lavora il vetro in modo da formare dei raffinatissimi pendenti a forma di bachi di seta (ne vedete uno in foto), trasparenti, colorati, o con screziature dorate e argentate. Dentro il baco di vetro lei posiziona un filo di seta, che la cliente poi può profumare usando una pipetta contagocce. E' un modo elegantissimo ed esclusivo per profumarsi e, insieme, portarsi in giro un gioiello artigianale ed unico perchè fatto a mano da una vera artista. Io ne ho uno e ogni volta che lo indosso vedo che le persone ne restano affascinate e mi chiedono invariabilmente “Che bell'oggetto... che cos'è esattamente?” allora spiego che è un profumatore per la persona dentro cui si può mettere il proprio profumo preferito…

Amore e Psiche: glass art+perfumery at Villa Carlotta

Until August 2, the beautiful Villa Carlotta in Tremezzo (Como) hosts "Microcosm of Glass", an art installation of Murano glass by Silvia Rutolo and Mauro Puccitelli. Part of this installation is named "Amore and Psyche", and joins glass art and perfumery in an exciting way. But first thinglet's speak of the visual part: here you have SilviaRutolo's site; Silvia is not only a great person and a passionate woman, but above all a very much appreciated artist, who creates little masterpieces to wear. 
In particular, this year we have worked with her since she wanted to scent her "Cocoons". The cocoons are made of Murano glass and may be transparent, colored, or with gold and silver streaks, and make refined pendants. Inside the glass cocoon, she places a silk thread, which the customer can then scent using a tiny dropper. It's a very elegant and exclusive way to perfume oneself, and, together, sport an unique piece of handmade artistic jewelry.

21 luglio 2015

Nuovi da BOIS 1920: Aethereus, Spigo 1920, Oro 1920, Verde di Mare (1/2)

BOIS 1920 (BOttega Italiana dello Spigo - sito QUI) è un marchio italiano presente sul mercato della profumeria artistica da quasi 10 anni ed il suo fondatore, Enzo Galardi, è anche il creatore dei profumi. 

La linea propone ormai 25 fragranze, tutte composte con gusto ed eleganza, tanto  che alcune di queste stanno diventando dei piccoli classici. 
Sushi Imperiale ad esempio è un un gourmand salato particolarissimo ed unico nel suo genere, Sutra Ylang è un ylang ylang di rara raffinatezza, Real Patchouly è un bel patchouli classico e vigoroso, Agrumi di Sicilia una colonia secca ed amara, elegante e moderna. 
Ma se ne avete la possibilità, vi consiglierei di provarli tutti, perchè in un mercato “artistico” in cui molti nuovi marchi gridano per farsi sentire, i profumi BOIS 1920 emanano un buongusto ed una compostezza davvero rari e gratificanti.

New from BOIS 1920: Aethereus, Spigo 1920, Oro 1920, Verde di Mare (1/2)

 Bois 1920 (Bottega Italiana dello Spigo -  Italian Aspic Atelier- website here) is an Italian perfumery brand estabilished in the niche market almost 10 years ago. Its founder, Enzo Galardi, is also the creator of all the perfumes. 


The line now offers 25 fragrances, all made with taste and elegance, some of which are becoming small classics: Sushi Imperiale for example is a very unique salty gourmand, Sutra Ylang features a ylang ylang note of rare sophistication, Real Patchouly is a nice classic, lively patchouli Agrumi di Sicilia is a dry and bitter Cologne, very elegant and modern. 
But if you have the chance, I would advise you to try them all, because in the contemporary "artistic" market, where many new brands shout out loud to be heard, BOIS 1920 features a good taste and a composure rare to find and refreshing.

15 luglio 2015

Lorenzo Villoresi: Kamasurabhi (2015)

Tra la fine degli anni '70 e l'inizio degli '80 mio padre lavorava ancora al Porto di Genova e spesso il suo lavoro lo portava a bordo delle navi mercantili per il controllo dei documenti e le procedure di sbarco del carico. Molto spesso, se sapeva che sarebbe salito a bordo di qualche nave proveniente da luoghi particolarmente esotici, non mancava di portarsi dietro qualcosa da scambiare con gli ufficiali. Qualche cosa di tipicamente italiano come un pacco di pasta, una bottiglia di vino o cose così.
In particolare, ricordo che quando arrivavano navi cinesi lui ritornava a casa con piccoli tesori che nessuno di noi aveva mai visto prima: maschere in carta di riso così sottili da poterci vedere attraverso, traumatizzanti uova “dei cento anni” (uova d'anatra sottoposte ad un processo di ossidazione sottoterra che ne trasforma completamente i colori, la consistenza e il sapore), ma soprattutto saponette al gelsomino, sandalo e fiordarancio, e straordinari, piccoli ventagli di legno di sandalo che, mentre ti rinfrescavano tiinebriavano con la squisita fragranza del legno di cui erano fatti. 
Ovviamente questi ultimi articoli erano i miei preferiti, e alcuni di questi circolano ancora a casa dei miei genitori (le uova, per fortuna, no).  I profumi dei ventagli e delle saponette hanno avuto una durata straordinaria: circa trent'anni! Giunte a casa a metà anni '80, offrono ancora qualche residuo di fragranza.
Perchè vi racconto tutto questo? Perchè l'altro giorno ho ricevuto dal Maestro Lorenzo Villoresi un campione della sua nuova creazione, Kamasurabhi, e indossandolo ho fatto un salto indietro di trent'anni. Io un legno di sandalo così netto e potente non l'avevo più sentito da allora. Un profumo legnoso e pungente, eppure gentile; mistico eppure quotidiano

Kamasurabhi (Lorenzo Villoresi, 2015)

In the late '70s and early' 80s my father was still working at the Port of Genoa and his work often took him on board merchant vessels for document control and procedures for discharging cargo. If he knew he would get on board a ship coming from particularly exotic places, he never failed to bring along something to give the officers as a welcome. Generally it would be something typically Italian like a packet of pasta or a bottle of wine.
In particular, when the vessels came from China he generally was returning home with little treasures that none of us had ever seen before: masks made of rice paper so thin that one could see through it, traumatizing "Hundred Years" eggs (duck eggs subjected to an oxidation process underground that completely transforms the color, texture and flavor), but especially jasmine, sandalwood and orange blossom soaps, and small fans made of sandalwood that, while cooling you down with air, also intoxicated you with the beautiful scent of sandalwood.

Obviously these last items were my favorites, and some of these are still circulating at my parents'(not the eggs, fortunately). Well, thirty years after, both the fans and the soaps still bear traces of the scent!
Why I'm telling you all this? Because the other day I received from Maestro Lorenzo Villoresi a sample of his new creation, Kamasurabhi, I sprayed it on... and I jumped back thirty years! I had not smelled such a clear and powerful sandalwood note since those fans. A woody, pungent note, yet gentle; mystical yet daily

Masque Milano: Terralba (Delphine Thierry), Luci ed Ombre (Meo Fusciuni), Tango (Cecile Zarokian)

Terralba (by Delphine Thierry) tells that moment when you left the car in the road, several meters back, and you've gone into the pine forest, following a small path of stones and twigs that you know will get you in front of the sea, with its intense blue. But the sea is only a pretext, in this perfume you don't really perceive it at all; no splashing wave refresh the air because all you perceive are the scents  around you: bitter, resinous, intense, tipycally mediterranean, melting into each other, releasing all their sensual and almost tactile charm (sage, citrus, myrtle, thyme, curry leaves, helycrisum, juniper, cypress, cedarwood).
This is a perfume that gives the skin thrills: it's wild, very natural, yet at the same time is elegant and well structured, harmoniously sewed as you would expect from a modern perfume.

Masque Milano: Russian Tea (Julien Rasquinet) and Montecristo (Delphine Thierry)

 Masque Milano (English website here) is a new Italian brand, founded by two friends with brave characters, motivated, spirited and with a fantastic taste for fragrances.
To give life to their line they selected composers already established but yet not too famous, and commissioned them a collection of "scenes" of life or significant moments, places visited, friendship, love, moods, recurring dreams ...
Each fragrance in Masque Milano collection was born to share each of these scenes.
In this way, the five fragrances are consistent with each other, they form a whole ensemble with a strong vision behind, that you feel strongly in each perfume. I loved the scents themselves, and the idea of Italy they carry: not only they contain our best raw materials (helichrysum, bergamot, jasmine, lavender, tobacco etc), but their bouquets are open and exuberant, and at the same time absolutely elegant, that sort of effortless, relaxed elegance that bears no ostentation. All share a very natural feeling, "outdoors-y" and open. In addition, all the Masque perfumes possess a quality I would call "tasty" that makes them particularly intriguing and, again, very Italian.

New from Castello di Ama: iris Mater

One of the particularities about orris root, is that even better than other notes, expresses an almost infinite spectrum of facets; depending on how it is treated and what you choose to lay beside it, shows very different characteristics in each perfume: a royal nature (Iris Silver Mist by Serge Lutens), or intellectual and refined to the core (Hiris by Hermes) a sophisticate outdoor simplicity (Bel Respiro by Chanel), minimal and prone to ascetism (Iris Poudre by Frederic Malle, Iris Nazarena by Aedes de Venustas), opulent and feminine, vaguely retro (Attrape Coeur/Guet Apens by Guerlain) or, as in the beautiful N.19 by Chanel, an almost unfriendly and snobbish austerity.

#astrosamantha and the world of smells


Samantha Cristoforetti (yes, #astrosamantha, the astronaut) spoke twice about smells during her mission on the ISS, and I believe no other astronaut before had ever mentioned anything about smell and outer space. 

The first time was more a joke than a real thing (“Outer space smells of something burned"), while the second was more serious.
She had just landed few minutes before, and one of the first things she said was:"I perceive a soft, pleasant smell”. 
The second statement is the one that strikes me and makes me reflect . What I would give to have her describe that smell!

8 luglio 2015

Samantha Cristoforetti e il mondo degli odori

Samantha Cristoforetti (sì, proprio #astrosamantha, l'astronauta) ha parlato di odore ben due volte durante la sua missione sulla Iss, e che mi risulti, nessun partecipante a missioni extra terrestri ne aveva mai parlato prima.
La prima volta si è trattato più di uno scherzo che di un'annotazione seria ("Lo spazio puzza di bruciato") e la potete leggere qui  mentre la seconda volta, in maniera più seria, appena scesa dalla navetta, ha detto "La terra ha un profumo" (lo potete trovare qui).  
La seconda affermazione è quella che mi colpisce e mi fa riflettere. Cosa darei per farmelo descrivere, quell'odore! 

1 luglio 2015

Zara White, Green, Fruity, Oriental, Black Amber

Prima o poi il tempo arriva per tutto. Oggi è arrivato per i profumi Zara: per la prima volta da quando frequento il negozio Zara della mia città, mi sono fermata ad esplorare il corner dei profumi. Non mi era mai passato per la mente di fermami un momento ad annusarli. Così, tanto per sapere come sono fatti. Così oggi ho deciso di colmare la lacuna. 
Intanto devo dire che la presentazione lascia abbastanza a desiderare: sono tipo venti (venti!), e sono buttati negli scaffali del corner a casaccio, senza ricerca estetica o criterio. Capisco che siamo in un negozio di vestiti quindi l'attenzione debba concentrarsi su quelli, ma il risultato è così "cheap" da scoraggiare l'acquisto. Nel negozio Zara ci sono anche abiti con qualche minima pretesa: qualche taglio ben fatto, qualche tessuto o accostamento interessante; è sempre grande distribuzione, però per quel che ne capisco io, si posiziona un pelo più su rispetto ad altre catene.   Come al solito, i profumi non presentano la stessa attenzione, ed in effetti non sembra nemmeno lo stesso marchio.
Di positivo, i flaconi hanno la grandezza giusta, tra i 20 e i 50ml, e costano veramente pochi euro (tra i sei e i dieci), così diventano un giocattolo olfattivo, e se li possono comprare anche le ragazzine giovani giovani (non tutte possono chiedere alla mamma un CSP o un Reminiscence o Les Nereides, per avvicinarsi al mondo della profumeria, e se la mamma ha solo pochi euro per accontentarle?) quindi Zara sotto questo punto di vista va benissimo: permette la sperimentazione.