20 settembre 2017

La Tuberosa è morta: viva la Tuberosa!

Io la tuberosa la amo.
Ne amo il lato sonoro, esagerato, fluorescente come un fenicottero fuxia in resina lucida a grandezza naturale. 

Ne amo la presenza teatrale, intensa, ipnotica, da Grande Seduttrice che non fa sconti né prigionieri. 

Ne amo il dandysmo estremo, la personalità eclettica.

Ne amo il gusto per la provocazione, la joie de vivre, le ore piccole, la mattina dopo.

La tuberosa è misteriosa, ribelle, selvaggia ed insieme profondamente tenera e materna
E' capace di carezzarti, abbracciarti, avvolgerti, confortarti, ma anche di stritolarti e risucchiarti l'anima.

Quando un marchio decide di cimentarsi con un profumo alla tuberosa è difficile che io mi faccia grandi aspettative, la maggior parte sono profumi anonimi che non prendono rischi: o la tuberosa non si sente quasi, o viene trattata in maniera molto convenzionale, come se se ne avesse paura. 
 Sono pochi i profumi che sono stati capaci di dire qualcosa della tuberosa in maniera originale, mantenendo inalterata la personalità di questo fiore: oltre al mio amato Fracas di Piguet, mi sono piaciuti Tubereuse e La Chasse aux Papillons dell'Artisan Parfumeur, Blu di Acampora, Amarige di Givenchy e Poison di Dior. 
Poi arrivarono Tubereuse Criminelle di Lutens e Carnal Flower di Frederic Malle, due profumi originali ed amatissimi da molte persone, che io però non riuscirei mai a portare. Mi infastidisce averli addosso perchè la mia idea di tuberosa, lì dentro, non c'è. 


Ma questo 2017 per me è stato eccezionale, tuberosamente parlando, e oggi ho ben quattro nuovi giocattoli da indossare: l'edp e l'estratto di Tubereuse Absolue di Perris Montecarlo, Nuit de Bakélite di Naomi Goodsir e Paloma y Raices di HomoElegans

Questi quattro profumi spingono l'idea della tuberosa in direzioni nuove, che mi sono piaciute da matti. 
Volete condividere con me il viaggio alla scoperta della nuova vita della tuberosa? (segue)

(La foto è presa dal sito di Naomi Goodsir)

2 commenti:

Anonimo ha detto...

Sorprese in arrivo...
Misteriosa come la tuberosa.

Sandra Barros ( Brasile )

Marika Vecchiattini ha detto...

Ciao Anonimo! Raccontaci chi sei!