18 novembre 2011

I Magnifici 70: Yves Saint Laurent

Rive Gauche (Jacques Polge, 1970)
Opium (Jean Louis Sieuzac, 1977)
Paris (Sophia Grojsman, 1983)
Kouros (Pierre Bourdon, 1981)
M7 (Alberto Morillas, 2002)

Anche se il marchio Yves Saint Laurent in tempi recenti sembra fermamente deciso a far dimenticare il suo passato glorioso, inondando il mercato di fragranzine del genere “Parisienne”, in realtà è stato un  trendsetter capace di creare  profumi memorabili, che hanno influenzato direttamente la storia della profumeria per decenni: basti pensare a Rive Gauche.
Anch’esso riformulato per renderlo conforme alle raccomandazioni IFRA, Rive Gauche va annusato perché è uno chypre raffinato, perfettamente unisex, e sebbene si senta che è un po’ datato, resta una fragranza-simbolo di un’epoca che ancora preferiva una personalità spiccata e non aveva paura ad aggiungere “peso” e consistenza alle fragranze. Rive Gauche non è per tutti, e mentre la testa è brillante, dal cuore in poi sviluppa un carattere ombroso e animale che può spevantare. Una mia amica (Santin) mi ha scritto un po’ di tempo fa dicendomi quanto le piacesse indossarlo, così sono andata a rispruzzarmelo anch’io: ecco il rischio è che venga dimenticato a favore di fragranze con minor carattere e sarebbe un vero peccato.

Opium e Paris, come Coco (Chanel), Poison (Dior)e altri, vanno indossati entrambi (ma per carità, a distanza di giorni uno dall’altro!) per rendersi conto di come un profumo possa –al pari di un oggetto di design o una canzone- catturare l’essenza del proprio tempo e restituircela intatta. E questa non è forse arte?
Inoltre, Opium è la prima fragranza creata a partire non dal profumo in sé stesso ma dalla storia che il marketing ha costruito. Provate a indossarlo guardando le vecchie foto pubblicitarie del lancio e vi renderete conto di come tutto il prodotto -nome, colori, flacone, testmonial, fragranza- sia coerente e lanci lo stesso identico messaggio di sensualità esotica e pericolosa. Da manuale, ancora oggi.
Paris, invece, va “imparato” perché è uno degli standard di riferimento per le fragranze dominate dalla rosa, in questo caso una rosa con una violetta nel cuore e una nota fruttata lontana ma percepibile, che arrotonda la sensazione rosata, rendendola ancora più ricca. Un confettino color fucsia fosforescente, molto meno “facile” di quel che potrebbe sembrare ad un’annusata frettolosa.

Per quanto riguarda le fragranze maschili, quelle di Yves Saint Laurent mostrano un’ambivalenza curiosa, una completezza capace di inglobare gli opposti, che infatti le rende attraenti tanto per gli uomini quanto per le donne, i gay e chiunque abbia voglia di giocare un po’ con la propria personalità.
Kouros è una delle fragranze di riferimento degli anni ’80, della stessa famiglia di Drakkar Noir, Brut di Fabergè, Ungaro, Le Male di Gaultier ecc, cioè essenzialmente un fougère, caratterizzato da note aromatiche (lavanda, rosmarino, timo ecc) e vaniglia, una sensazione in bilico tra opposti, che può essere molto interessante, se eseguita bene. E va conosciuto proprio perché la famiglia fougere continua ad essere trendy anche oggi, sfornando innumerevoli profumi maschili, che ovviamente hanno tra i propri nonni anche Kouros.

M7 invece è la fragranza che ha sdoganato in Occidente la preziosa nota Oud. Oggi l’oud, con il suo calore terroso, dolciastro e vagamente stallatico è presente in molte fragranze anche industriali, e non è più sorprendente e innovativa come 10 anni fa; fu proprio attraverso questa bellissima fragranza di Alberto Morillas che abbiamo potuto conoscerla ed innamorarcene. M7 segnò un trend, ed è un peccato che non abbia avuto il successo che avrebbe meritato (io la trovo geniale e Morillas, per me, è uno Signori della Profumeria).

Per altri profumi nella lista dei Magnifici 70, cliccate il tag Magnifici 70 sulla colonna a destra.

9 commenti:

donnaStefania ha detto...

buondì Marika, mi scusi l'estemporanea - non c'entra molto con questo post ma non sapevo dove scriverlo - qualche giorno fa sono entrata da "Riflessi", un negozietto molto carino che vende i profumi Les Nereides, per acquistare il solito Patchouly, quando ho sentito nell'aria una fragranza completamente nuova... si chiama Oriental Lumpur ed è l'ultima creatura di Les Nereides, l'ho trovato davvero sublime, sarà il profumo del mio inverno 2011...
saluti, grazie dell'ospitalità

Bergamotto e Benzoino ha detto...

eh eh eh... io ce l'ho già! L'ho preso subito, appena uscito. Un muschiato davvero notevole. Bella scelta, donnaStefania! :-)

Anonimo ha detto...

Sai che mi hai fatto tornare in un attimo alla mia adolescenza? Non immaginavo, ma vedere questi nomi tutti in fila su un post, mi ha fatto effetto. Quando avevo 14 anni andavo a casa della mia amica del cuore e rubavamo delle spruzzate dai profumi della sorella più grande. Prima Rive Gauche, poi Opium. Paris invece era il profumo di tantissime mie amiche, molto fiorito, ma come dici tu non facile. Io aggiungo secondo i canoni attuali, perchè secondo me all'epoca invece si osava molto di più. Ad esempio chi metterebbe mai oggi un Paillettes di Coveri, un tripudio di note colorate fucsia, esplosive come coriandoli? Recentemente me lo ha ricordato niente di meno che il Sarrasins di Lutens, sarò blasfema ma proprio ci ho ritrovato qualcosa di simile. Se lo trovo in qualche magazzino me lo compro questo Paillettes per ricordare la mia amica che lo usava quando andavamo a ballare. Bei tempi.....Sabricat

Anonimo ha detto...

M7... Favoloso, misterioso e innovativo. Interrotto, e riformulato in modo pessimo.
Chi può cerchi il vintage M7, mistico.

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Sabri, ho un campione di Paillettes e lo proverò stasera per vedere se anche a me ricorda Sarrasins... Paris invece lo ha indossato a lungo mia mamma e quindi ce l'ho chiarissimo nel naso.
Certo che allora si osava di più: certe fragranze "di carattere" oggi non vengono più create perchè non si venderebbero, e alcune di quelle vecchie le comprano solo quelli che già le compravano allora e hanno continuato ad indossarle negli anni.

Anonimo, anche io amo M7, e non ho ancora sentito la riformulazione, ma da quel che dici, ho già paura che non mi piacerà! Andrò comunque a sentirlo...

Anonimo ha detto...

Marika cara, ho sentito in aeroporto il Gucci pour homme, quello con la confezione quadrata e il tappo con anellone pendulo.
Dimmi ti prego che avevo qualche problema al naso, perchè mi è sembrata un acquetta insignificante rispetto a quello precedente, che era dolce, rotondo, meraviglioso.
Sabricat

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Non è che magari era sotto un bel faretto bollente che lo ha rovinato? Nooo, mi sa che te ne saresti accorta subito e magari non l'avresti preso sul serio. Quindi non resta che andare a sentirlo e tenere le dita incrociate. Spero proprio di no. Vado, sniffo e ti riporto.

Anonimo ha detto...

Darei tutto quello che ho pet uns boccetts anni 90 di rive gauce...ora purtroppo e' diverso...che peccato era unico....

Patricia ha detto...

Buongiorno Marika, sono molto incuriosita dalla sua esperienza e dal suo naso.
Ho indossato per diversi anni un favoloso Nombre Noir di Shiseido creato da Serge Lutens ... peccato non trovarlo più ...