11 aprile 2008

Fleurs de Rocaille (Caron, 1934)


Ho ricevuto questa preziosa fialetta di Fleurs de Rocaille, il vintage originale, da Anna Maria qualche tempo fa e la ringrazio molto per avermi fatto conoscere questo piccolo tesoro di Ernest Daltroff. Fleurs de Rocaille significa più o meno “fiori di pietraia” o “fiori di un giardino roccioso”, ed in effetti pur essendo essenzialmente un profumo fiorito esprime essenzialità, minimalismo raffinato. Sembra fatto oggi da qualche naso innamorato della luce e del cristallo. Sul sito di Caron viene definito un fiorito aldeidato, ma non immaginatevi il N.5 di Chanel o White Linen di E. Lauder. Ha una sua delicata dolcezza impressionista, evanescente, che mi ha ricordato l’Eau d’Hiver di Ellena. Non per le note scelte, ma per l’intenzione, per la sospensione nel tempo e nello spazio.
Non ho trovato la piramide; sento del garofano (sapete quei garofanini piccoli, color porpora?), della violetta, forse una rosa un po’ speziata, e sicuramente del muschio, ma rarefatto, non potente.
Se avete visto il film “Scent of a woman”, la versione rifatta con Al Pacino come protagonista forse ricorderete che ad un certo punto lui indovina la fragranza indossata della signora che lo accompagna: Fleurs de Rocaille. Sembra che questa pubblicità abbia spinto (ma non ho trovato conferme) Caron a rieditare la fragranza rinnovandola e “modernizzandola”.
Così ho confrontato il vintage con questa versione moderna, che porta il nome Fleur de Rocaille (senza la s). Bravi quelli di Caron che hanno voluto omaggiare il classico senza dargli esattamente lo stesso nome, visto che la fragranza è diversa. Parecchio diversa! Nella piramide compaiono gardenia, violetta, mughetto, rosa, gelsomino, ylang ylang, mimosa, lillà, iris, sandalo, ambra e legno di cedro. E’ femminile, vivace e molto più presente, grazie a qualcosa che non saprei definire, che fa molto anni ’80 e che inserisce la fragranza in un filone di modernità al quale siamo abituati. Ma che secondo me tradisce un po’ l’intenzione iniziale del creatore. Insomma, se la versione vintage è un’impressione, la visione fugace di un cespuglio di fiori gentili in una pietraia, la versione nuova è "semplicemente" un (buon) profumo femminile da indossare.

14 commenti:

Laura77 ha detto...

Buongiorno,

go scoperto per caso questo blog, che mi piace molto.
Ne approfitto per segnalare che ho un Iris Silver Mist di Serge Lutens che non riesco proprio ad indossare, tropo Iris...
Vorrei venderlo o scambiarlo.

Saluti

Laura Del Ben
laura.delben@tin.it

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Ciao Laura, benvenuta! Ho visto che hai segnalato il tuo ISM anche su altri forum. Magari a qualcuno interessa!

Laura77 ha detto...

Ciao Bergamotto e benzoino, grazie per aver pubblicato il mio post, la pubblicazione su altri forum è frutto di un maldestro utilizzo di internet.Saluti!

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Poi facci sapere com'è andata!

madmad ha detto...

Adoro la vecchia versione, il profumo del giorno del mio matrimonio; quella nuova l'ho regalata appena aperta...
Amo i profumi di Caron

Il tuo blog è magnifico, adorabile :)

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Per il giorno del tuo matrimonio.... che bella scelta, poetica ma di carattere. Complimenti per il gusto.
Ciao mad mad, e grazie per le tue parole gentili, fanno piacere!
Torna a trovarmi quando vuoi, aspetto i tuoi pensieri sugli altri Caron!

madmad ha detto...

Di Caron amo molto Bellodgia e Violette Precieux, in verità anche Narcisse Noir e Nuite de Noel. Tanti anni fa ero innamorata anche di Muguet du Bonheur ma l'ho ricomprato ultimamente e mi sembra cambiato rispetto a quello di una ventina di anni fa. Adoro il classico pour un homme che ogni tanto rubo a mio marito :)
Ho provato ultimamente Eau de Reglisse; all'inizio mi è piaciuto molto... poi non so, qualcosa mi ha stancato. In ogni caso ho notato che di Caron preferisco soprattutto quelli d'epoca; i moderni, non so, non mi entusiasmano.
A presto, devo spulciare il tuo blog dall'inizio alla fine :)

Anonimo ha detto...

Ciao a tutte, ieri cercavo in una profumeria del centro di Milano un vecchio profumo per conto di mia madre, Rose di Caron, non ce l'avevano, o meglio esiste solo l'estratto su ordinazione ma io avrei voluto sentirlo. Allora ho chiesto alla commessa un profumo di Caron simile, magari a base di rosa, e lei mi ha spruzzato Fleur de Rocaille, bellissimo, fiorito, elegante e molto persistente. Sono rimasta molto colpita, ora sono incuriosita dalla versione vintage(Fleurs), ma non la conoscevo prima di leggere su internet e quindi ieri ho testato solo la nuova. La vintage è ancora più bella? E' molto diversa? Qualcuna sa se esiste Rose di Caron in versione edp o edt? Pensavo di aver trovato in Narciso Rodriguez for Her edp la miglior fragranza ma devo ammettere che i Caron sono veramente particolari e raffinati. Grazie, saluti
Claudia

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Ciao Claudia, il vintage è parecchio diverso dalla versione moderna, in molti sono alla ricerca di un flacone della verisone originale ma essendo discontinuata da decenni, ormai, non se ne trovano più. Puoi vedere se su The Perfumed Court (digita il nome su google) trovi un piccolo decant per un'annusata o due, giusto per farti un'idea.
Invece per Rose di Caron puoi vedere se ce l'hnno da Les Senteurs (è un sito inglese, tempo fa lo avevo visto in vendita lì), magari ti fai mandare prima un sample da un paio di millilitri e poi se ti piace puoi comprarti la bottiglia intera. Prova anche parfum Sacrè: contiene una bella nota di rosa, ma è su un impianto speziato molto ricco e avvolgente!

Anonimo ha detto...

Ciao, grazie della risposta, molto gentile :)
Ieri sono ripassata dalla stessa profumeria e, dopo aver risentito sul polso Fleur de Rocaille, l'ho acquistato(lo trovo splendido e fiorito).Arrivo a casa e mi accorgo che nella confezione c'è invece la bottiglietta del vintage (Fleurs)! Lo spruzzo sul polso e devo dire che non mi è piaciuto molto, preferisco la versione moderna, più giovanile e fresca. Oggi quindi andrò a farmela cambiare. Quindi il vintage si trova qui a Milano, senza problemi. Grazie per il consiglio su Rose, andrò e vedere quel sito. Grazie , saluti. Claudia

Anonimo ha detto...

Ciao,sono sempre Claudia.Ho una domanda da porre,può sembrare strana ma io ho un naso molto delicato e percepisco tutte le minime sfumature.In profumeria il tester aperto di Fleur de Rocaille aveva l'essenza di colore rosa chiaro,quando invece ho aperto la bottiglia acquistata(di cui parlo nel messaggio sopra)il colore dell'essenza era giallo.Appena spruzzata si sentiva moltissimo la parte alcolica,la fragranza floreale(splendida,che mi ha fatto innamorare di questo profumo alla prima annusata)si sente solo dopo alcune ore.Il problema è che appena spruzzato mi dà la nausea,così tanta che ho dovuto regalarlo.Poi ho acquistato sul sito LesSenteurs(grazie della dritta,è davvero un sito molto utile e interessante)alcuni campioncini,fra i quali il Fleur de Rocaille:ebbene il campioncino ha di nuovo l'essenza rosa(non gialla!)e non dà la nausea appena spruzzato.Mi chiedo:da cosa può dipendere?La profumeria mi ha venduto una ennesima versione diversa(non credo)o una bottiglia andata a male(era ben chiusa e sigillata,però).Ora vorrei riacquistarlo ma non so se farlo tramite LesSenteurs o tramite profumeria qui a Milano..dovrei chiedere di aprire la confezione e vedere il colore dell'essenza e magari spruzzarla.Grazie per chi mi saprà aiutare.Un saluto,Claudia

Bergamotto e Benzoino ha detto...

Ciao Claudia, questo profumo, anche nella sua versione "nuova" cioè riformulata, è comunque un profumo che ha qualche anno. Può succedere che o il tester o la bottiglia nella scatola abbiano virato, cioè che qualche componente sia "andato a male". Propendo per questa ipotesi perchè in genere te ne accorgi, oltre che dal colore scuro (ma il tuo non lo è), soprattutto dall'odore molto alcolico. Oppure, e qui il colore del liquido, rosato invece che giallo ce ne darebbe un'indicazione, potrebbe aver subito qualche riformulazione negli ultimi anni (quasi tutti i Caron hanno avuto tale trattamento). Quindi o ti fai tirare fuori la bottiglia dalla scatola per verificare, o lo compri da Les Senteurs.
Fammi sapere!

rob ha detto...

Marika, sai dove si trovano i Caron a Genova? Mi incuriosivano Le Troisième Homme e Pour Un Homme...

Marika Vecchiattini ha detto...

Ciao Rob, li ha la profumeria 36 rosso in salita santa caterina. Pour un Homme di certo, per il troisieme non ne sono sicura. Se non lo torvi fammi sapere, che te ne faccio un decantino del mio!