4 maggio 2016

Le tre rose di Maria Candida (Elephant & Roses e Rrose Selavy)

QUESTO POST INIZIA QUI

Elephant & Roses. Intanto c'è da dire che già il nome mi sembra uno dei migliori che siano mai stati usati per un profumo, e per una volta mi soffermo anche sulla grafica -qui a lato- che è stupenda (e sì, anche un po' psichedelica, evviva!).
La fragranza parte con una rosa affiancata da note calde, aromatiche e secchissime quali costus e timo, oltre ad un non meglio identificato "accordo animale" che si sviluppa lungo tutta la composizione.  A fianco alla rosa turca, MCG ha inserito la tenerezza delicata dell'osmanto e la fierezza del gelsomino, mentre vetiver e sandalo offrono a tutto il profumo un sostegno secco ed elegante. Io sento anche qualche nota speziata tipo lo zafferano e una pelle morbida, ma… forse non ci sono. A cucire tutto insieme, una sobria nota di ambra grigia. La fragranza risulta insolitamente secca e polverosa, come la pelle incartapecorita dell'elefante, e stranamente, resta delicata in tutte le fasi. L'elefante avrebbe potuto  essere collocato in una cristalleria -e allora avrebbe sfasciato qualsiasi cosa intorno a lui-  e invece è stato accomodato su un letto di rose, con un risultato esotico e molto interessante. E' un profumo alla rosa, sì, ma la nota di rosa è usata solo come contrappunto all'"accordo elefante". Non so perchè funzioni, ma è così: senza la nota delicata e quasi timida di rosa, l'"accordo elefante" risulterebbe chiuso, pesante, opaco. Invece, basta quella notina rosata per infondere leggerezza, delicatezza e -letteralmente- far volare l'elefante. 
Per me è un profumo pazzesco. Possiede una qualità terrena, primitiva, ed insieme sofisticata e vagamente snob, che amo alla follia.



Rrose Selavy è la più semplice delle tre rose, un profumo piuttosto lineare, composto da pochi elementi essenziali che si percepiscono dall'inizio alla fine. 
La protagonista è sempre la rosa, che però all'inizio viene quasi nascosta da una nota di menta che imprime alla fragranza una deliziosa direzione fresca, verde, umida che stranamente aumenta invece di diminuire mano a mano che passano i minuti. La menta lega poi la rosa ed un garofano elegante, con un risultato che quasi vira nel fougère. La coda del profumo resta mentolata e verde, suggerendo una rosa ancora in boccio, rugiadosa, verde, quasi pungente. Maschile? Femminile? A chi importa? Lo spirito ribelle e creativo di Marcel Duchamp, a cui è dedicata la fragranza -di cui Rrose Selavy è il doppio- non si faceva certo ingabbiare in un'etichetta di genere! 
Io suggerirei di provarla soprattutto se:
- non amate particolarmente questo fiore o lo trovate un po' troppo banale;
- siete di genere maschile;
- la vostra idea di freschezza non contempla necessariamente gli agrumi. 
Può darsi che questa interpretazione diversa da tutte le altre rose vi faccia cambiare idea.

Maria Candida Gentile's three roses #2: Elephant &Roses and Rrose Selavy

THIS POST ORIGINATES HERE

Elephant & Roses. The name is one of the best ever used for a scent, isn't it? The fragrance starts with a rose coupled with warm, aromatic, dry notes (costus and thyme), and an unidentified "animal accord". Alongside the Turkish rose, MCG has entered jasmin and the delicate tenderness of osmanthus flower, while vetiver and sandalwood offer the scent their elegant support. I also smell some spicy notes such as saffron and plush lather, that maybe aren't there. Ambergris soberly sews everythung together. The fragrance smells unusually dry and dusty, like parched elephant skin and, oddly enough, remains delicate in all phases. The elephant could have been placed in a glassware shop -and then he'd have smashed everything around it- and instead it was accommodated on a bed of roses, with an exotic and very interesting result. It 's a rose scent, indeed but the rose is only used as a counterpoint to the “elephant accord”. 
I don't know why it works, but it does: without the delicate, almost shy hint of rose the "elephant accord" would be closed, heavy, opaque. Instead, that rosy little note infuses lightness and delicacy to the whole elephant, and makes E&R an absolutely crazy perfume. 
It features an earthly, primitive, animal quality, together with a vaguely sophisticated one. 
I love when opposites serve each other and E&R is in fact a scent I wear with greatest pleasure.


Rrose Selavy is the simplest of the three rose scents, a rather linear fragrance, composed of a few essential notes you can smell from start to finish. At the beginning the rose note is almost hidden by a hint of mint that gives the fragrance an unusually fresh, green, pungent direction, vaguely damp, that strangely increases instead of decreasing as minutes pass by. 
Mint then binds rose and an elegant carnation almost turning the whole thing into a fougère. The base notes stay minty and green for a long time, suggesting a dewy rose still in bud. Male? Female? Who cares? Marcel Duchamp's creative spirit -of which Rrose Selavy was the feminine double- would've made fun of any kind of gender label! 
I'd suggest you try it especially:
- if you're not particularly fond of rose, 
- if you're a man,
-if your idea of freshness doesn't necessarily involve citrus notes.
Perhaps this different interpretation might change your mind.

2 maggio 2016

Le tre rose di Maria Candida (Cinabre)

Sì, sì lo so, il titolo di questo post "Le tre rose di Maria Candida" sembra la parodia di una fiction televisiva per casalinghe romantiche e sognatrici, ma in realtà io volevo essere seria. 
Perché Maria Candida Gentile (sito qui) lavora spesso questo fiore con ottimi risultati; finora ha prodotto tre profumi dominati da note di rosa che risultano molto diversi tra loro; non solo testimoniano l'amore che MCG ha per la Regina dei fiori, ma anche la sua grande creatività: non è facile comporre tre rose, tutte e tre interessanti, piacevoli da indossare ed originali! 
Sono convinta che MCG sia una delle migliori creatrici in circolazione. Se invece che italiana fosse francese e avesse un ufficio marketing più efficiente, oggi come oggi lavorerebbe da Guerlain al posto di quell'inutile Sylvaine Delacourte, e per Guerlain si riaccenderebbe finalmente la luce. 

Vabbè, passiamo alle fragranze.


Cinabre, la prima delle tre, composta da MCG ormai qualche anno fa, si ispira al cinabro, il colore rosso vivo estratto da una pianta (la Dracena) e molto ricercato dagli alchimisti, ed è il nome giusto per un profumo caratterizzato da un forte impatto e una ricchezza quasi "tattile". La Rosa Splendens che Maria Candida ha usato in questa fragranza -di cui io non avevo mai sentito parlare- possiede un deciso sentore di mirra, e qui viene introdotta da note  speziate calde e soprattutto poudree (pepe nero e rosa) che evidentemente le si addicono molto. A lei si affiancano la freschezza della davana e l'opulenza della rosa marocchina, che le regalano tridimensionalità. Benzoino, vaniglia ed opoponax (la mirra dolce di Somalia) concludono una struttura dominata da note calde, voluttuose, polverose come impalpabile cipria. In questo profumo la rosa è declinata al femminile (anche se i Signori potrebbero andare a provarlo lo stesso...) ed è veramente protagonista: una rosa rossa conturbante dai petali carnosi e vellutati,  soddisfacentemente impattante e di lunga durata. E' un profumo elegante, che si fa senz'altro notare.


Le altre due fragranze (Elephant &Roses e Rrose Selavy) seguono nel prossimo post.

Maria Candida Gentile: three roses (Cinabre)

Italian perfumer Maria Candida Gentile (website, in Italian, here) has so far created three rose scents that smell very different from each other, thus witnessing not only her unquestionable love for the Queen of flowers, but also her great creativity: it's not easy to concoct three rose scents, all three interesting, pleasant to wear and original!
I am absolutely sure MCG is one of the best composers around. Were she French, and equipped with a more efficient marketing department, nowadays she would work for Guerlain in the place of that useless Sylvaine Delacourte, and Guerlain will take back their place in perfumery.

Cinabre is the first of the three since it was composed by MCG a few years ago and is inspired by cinnabar, the bright red color extracted from a plant (Dracena) highly sought after by alchemists; I think this is the right name for a perfume characterized by a strong impact and an almost "touchable" roundness. The Rosa Splendens that Maria Candida used in this fragrance -which I had never heard of before- conveys a strong scent of myrrh, which here is fed by warm, spicy and powdery notes (black and pink pepper). Splendens is also joined by the freshness of davana and the opulence of a Moroccan rose, which add three-dimensionality. Benjoin, vanilla and opoponax (sweet myrrh of Somalia) sew a scent dominated by warm notes, voluptuous, and as dusty as talcum powder. Rose walks the feminine path here (although I believe men could easily give it a try) and really stars the composition: a bold, sumptuously smooth red rose with fleshy petals, satisfactorily impactful and long lasting. 

The other two fragrances (Elephant & Roses and Rrose Selavy) follow in the next post.

27 aprile 2016

Latex (Antoine Lie per Uermì, 2015)

È da un paio di giorni che ho voglia di indossare solo profumi sfidanti e insoliti che abbiano un temperamento da tenere a bada. La mia scelta in questi giorni è caduta su Latex, una fragranza della linea Uermì
Tempo fa lo avevo recensito per il loro sito (qui) e avevo scritto che era il più interessante profumo ozonico/marino che avessi mai provato. E indossandolo ora, non ho affatto cambiato idea.

La partenza è marina, fresca, ariosa, salata, con una sensazione di semplicità e pulizia molto moderna, tipica di tutte le fragranze della famiglia ozonica/marina, che uniscono alla brillantezza smaltata delle aldeidi, la freschezza delle note marine. Qui in più c'è la sensazione pungente e metallica, molto interessante, dell’ossido di rosa. Se la fragranza finisse qui, Latex potrebbe essere un marino tra i tanti, e non avrei motivo di indossarlo in questi giorni “strani”.


Il fatto è che a questo punto, là dove gli altri ozonici inseriscono note fiorite o legnose per allungare un po' il brodo, Latex mostra una strana dolcezza che richiama apertamente un'idea di sensualità: merito di una nota indolica, che con il suo fascino decadente (è l’odore che si percepisce nei fiori in decomposizione, nei cadaveri, nelle feci ecc) stimola qualche area primitiva del nostro cervello con una forza magnetica irresistibile. 
Questa nota sensuale, sporca, affiancata alla sensazione ozonica, pulita ed “innocua”, rende la composizione ambigua, inquietante, come quelle piante carnivore dalla struttura semplice come un tubo, che attraggono l’insetto bramoso con una fragranza dolce e rassicurante, per poi richiudersi su di lui in un abbraccio mortale. Latex sembra semplice ma invece possiede una sorprendente complessità, che in questi giorni trovo assolutamente soddisfacente. 
Tra l'altro, poiché gran parte della fragranza è costituita da note muschiate, parte in maniera delicata ed acquista intensità e sfrontatezza mano a mano che passano i minuti, creando una bolla luminosa ben percepibile e piuttosto impattante, intorno a chi lo indossa.


Latex (Antoine Lie for Uermì, 2015)

In the last days I reached only for challenging and unusual perfumes, things that have a temperament to hold off. My choice fell often on Latex, a fragrance in the Uermì line. Some time ago I had reviewed it for their site (here); I wrote that it was the most interesting ozonic/marine scent I'd ever tried. And wearing it now, I realize I have not changed my mind a bit: it is the only representative of this family I've ever had the wish to wear.
The start is fresh, airy, salty, with a feeling of very modern simplicity and cleanliness, typical of all the fragrances in the ozonic family, combining the glazed brilliance of aldehydes and the freshness of marine notes. Latex also features the pungent and metallic feeling, very interesting, of rose oxide. If the fragrance ended here, Latex may be one in a sea of many, and I would have had no reason to wear it in these "strange" days.
The fact is that at this point, where others ozonic scents fit floral or woody notes, Latex shows a strange sweetness openly recalling an idea of ​​sensuality: t's due to an indole note, which with its decadent charm (it is the smell perceived in rotting flowers, corpses, faeces etc.) stimulates some primitive area of ​​our brains with an irresistible, magnetic force. This sensual note, dirty, creepy, alongside the ozonic feeling, all clean and "harmless", makes this the most unusual and intriguing composition: ambivalent like those carnivorous plants, with a simple tube structure attracting insects with a sweet, apparently harmless offering, and then closing on them in a deadly embrace. Latex shows a surprising, interesting and unusual complexity, that absolutely fits these days of mine.
By the way, since the fragrance is composed mainly of muscs, acquires intensity and boldness as pass minutes pass by, creating a bright bubble around the wearer.


11 aprile 2016

The Orchid Man (Jerome Epinette per Frapin, 2015)

E' un po' che non vi parlo della Maison Frapin (sito qui), e un po' me ne dispiace perchè le fragranze di questa linea esprimono alcune caratteristiche che me le fanno amare quasi tutte: sono attuali, eleganti, indossabili, con dentro delle  belle idee e, spesso, anche belle materie prime.
The Orchid Man possiede le stesse caratteristiche delle sue “sorelle” ma in più, mi ha colpito per la ricchezza fiorita della composizione, dedicata ad un personaggio maschile

The Orchid Man infatti (“L'Homme à l'Orchidèe”) era il soprannome di un pugile francese, Georges Carpentier, che dopo una carriera di livello mondiale sul ring, negli anni 30, diventa prima un aviatore decorato, poi un attore di teatro e cinema -ha recitato in film sia muti che sonori-  poi un uomo d'affari a Wall Street e per finire apre il primo cocktail Bar a Parigi. Un uomo dai molti talenti e dalle mille vite, che continua ad affascinare molti decenni dopo.
Il profumo a lui dedicato ricorda la naturale eleganza dei gesti per la quale era famoso, il gusto raffinato e la poliedricità; The Orchid man è infatti un fiorito aperto, ricco, solare, sofisticato e di gran classe, dominato da un bel gelsomino che, introdotto da bergamotto e pepe nero (un accordo intrigante che adoro), diventa sontuosamente ricco e sonoro. 
Dal cuore in poi il gelsomino cambia abito e si riveste di resine (incenso e ambra grigia) e legni (patchouli e muschio di quercia), per un drydown elegante.
Un profumo intelligente e con una personalità ben definita, che dura a lungo sulla pelle. Frapin di solito si concentra più sull'universo maschile, ma The Orchid Man lo vedrei benissimo anche su una donna.

The Orchid Man (Jerome Epinette for Frapin, 2015)

I noticed I haven't written anything about Frapin (website here) in quite a while and I'm sorry because this line of fragrances express those characteristics that make me fall for almost all of them: up to date, stylish, wearable, rich in beautiful ideas and, often, in raw materials too.
The Orchid Man, the newly launched in this line, features the same characteristics of its scent "sisters" but in addition, I was struck by the floral wealth of the composition, dedicated to a male character. 

The Orchid Man in fact ("L'Homme à l'Orchidèe”) was the nickname of a French boxer of the 30s named Georges Carpentier, who after a successful career on the ring, first became a decorated aviator, then a theater and movie actor -he acted in both silent and sound movies- then he turned into a Wall Street businessman; then finally opened the first cocktail bar in Paris. A man of many talents and a thousand lives, who continues to fascinate many decades later.
The perfume dedicated to him evokes the natural elegance of his gestures, his refined taste and versatility; The Orchid man is indeed a very open-natured floral, rich, sultry, sophisticated and classy, ​​dominated by a beautiful jasmine note, introduced by bergamot and black pepper (an intriguing accord I love), which then becomes rich, sound and sumptuous. From the middle notes on, jasmine changes clothes and takes on resins (incense and ambergris) and woods (patchouli and oak moss), for an elegant drydown.
A smart fragrance with a personality, lasting long on the skin. Frapin usually focuses more on the  masculine universe, but I would see The Orchid Man very well worn by a woman.

6 aprile 2016

Chef's Table, Forever Now, Coda (MiN New York, 2015)

Da pochi mesi è uscita la nuova collezione di MiN New York (sito qui. Conoscete già il mio amore per questo marchio, capace di creare una linea di piccoli capolavori di una bellezza commovente (qui i miei post). 
Oggi vi parlo di Chef's Table, Coda e Forever Now, tra i più belli di questa nuova linea. 
Inizio col mio preferito: Chef's Table, un mix di frutta (bergamotto), fiori (iris e rosa turca), aromi (salvia, basilico) ed erbe del giardino (foglia di pomodoro), accoccolati su un fondo di muschio, fava tonka e ambra grigia. Sottile, trasparente, luminoso come le prime giornate di primavera, lievemente gourmand ma non in maniera sfacciata, ricorda il lavoro di uno chef d'avanguardia capace di comporre quei piatti creativi, colorati, bellissimi, creativi, in cui non mangi nulla di cotto in maniera tradizionale, ma i sapori ti divertono e ti lasciano sorpreso ed esilarato per l'esperienza. Un lavoro delicatissimo, un acquerello olfattivo etereo ed affascinante. Ha una durata soddisfacente rimanendo lieve e trasparente tutto il tempo; sul finale diventa più verde. 

Forever Now è uno schiocco di luce brillante, fredda, cristallina (coriandolo, pepe rosa, aldeidi, olibano), unita a geranio, legno di cedro, sandalo (Santalum Album) e assoluta di cisto. Il profumo resta luminoso e freddo molto a lungo, con la nota incenso (l'olibano) fredda, elegantissima, sofisticata, che domina tutta la composizione. L'idea di un incenso luminoso e rarefatto non è nuovissima, ma il risultato è molto affascinante, indossabile, contemporaneo. 

Coda, invece, unisce note aromatiche (eucalipto e menta) speziate (cannella, noce moscata) e legnose -quindi lente, nobili, maestose, che si prendono tutto il tempo per uscire fuori e fare la loro magia (cipresso, legno di cedro, patchouli, assoluta di cisto). Queste note sviluppano un calore, una morbidezza polverosa, raffinata, con qualcosa di affumicato -e nessuna dolcezza- che vedrei benissimo soprattutto sulla pelle maschile. Anche perchè sotto tutta questa eleganza, le notine aromatiche, appena percettibili portano una corrente scanzonata, che sembra quasi fare l'occhiolino a chi lo indossa. Piacevolissimo, confortevole, estremamente ben fatto, e vive a lungo sulla pelle. 

Tutte le fragranze MiN New York privilegiano la delicatezza sull'impatto, l'intimità rispetto al glamour. Però non significa affatto che non "si sentano", anzi rimangono sempre ben assestate sulla pelle, con strutture ben composte, senza buchi o stranezze compositive. 

Sul sito trovate, per 25 dollari, il sample set per provarle tutte! 
Qui trovate il set della seconda serie (5 fragranze)
Qui trovate il set della prima linea (11 fragranze) 

Chef's Table, Coda and Forever Now (Min New York, 2015)

A few months ago the new collection of MiN New York scents was launched. You already know my love for this brand, that in the first line was able to create a bunch of masterpieces of moving beauty (here is my post). Today I'm reviewing Chef's Table, Coda and Forever Now, among the most beautiful of the new line. 

My favorite is Chef's Table, a mix of fruit (bergamot), flowers (iris and Turkish rose), spices (clary sage, basil) and garden herbs (tomato leaves), sitting on a base of musk, tonka bean and ambergris. Thin, transparent, as bright as the first days of spring, slightly gourmand but not in a vanilla way, recalls the work of a cutting edge chef, renowned for his/her creative dishes, colorful, beautiful, where you do not eat anything cooked in traditional manner, but you enjoy unusual flavors, and the experience leaves you surprised and exhilarated. A delicate job, an ethereal and fascinating olfactory watercolor. It lives long, staying mild and transparent all the time; the trail gets greener.

Forever Now is a bright light pop, cold, crystalline (coriander, pink pepper, aldehydes, frankincense), combined with geranium, cedarwood, sandalwood (Santalum album) and cistus absolute. The scent stays bright and cold for a long time, with the cold, elegant, sophisticated frankincense note starring the entire composition. The idea of ​​a bright and rarefied incense is not brand new, but the result is extremely charming, wearable, contemporary.

Coda combines aromatic notes (eucalyptus and mint), spices (cinnamon, nutmeg) and woods -slow, noble, majestic, taking all the time to evolve and do their magic (cypress, cedar wood, patchouli, cistus absolute). These notes develop a dusty warmth, a refined smoothness, with something lightly smoked - no sweetness at all- that I would see very well especially on male skin. Also because underneath all this elegance, the barely perceptible aromatic notes bring a lighthearted current, which almost seems to wink to the wearer. Pleasant, comfortable, extremely well done, and long living on skin.

All MiN New York fragrances  choose delicacy over impact, intimacy over glamour. But this does not mean "feeble"; they sit well on the skin, with well-composed structures, without holes or compositional oddities.

On the site you will find, for $ 25, the sample set to try them all!
Here you find the second set (5 samples) 
Here you find the first set (11 samples)